Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer vitae adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget ut, dolor. Aenean massa. Cum sociis pretium qui asem. Nulla consequat massa quis.

Post più letti

Iscriviti alla newsletter
[contact-form-7 404 "Non trovato"]
Castagne Cave

A Cave l’evento di presentazione per valorizzare i Castagni da Frutto


Venerdì l’appuntamento presso il teatro comunale

Venerdì 23 ottobre alle ore 18:00, presso il Teatro Comunale della città di Cave, sarà presentato al pubblico l’evento di presentazione del progetto “Castanetum”, il primo e più importante studio degli ultimi anni finalizzato alla tutela ambientale e alla conservazione del castagno dei Monti Prenestini e della Valle del Giovenzano.


I territori di Cave, Capranica Prenestina, San Vito Romano e Gerano sono caratterizzati dalla plurisecolare presenza del castagneto da frutto, sia esso marrone che castagna dolce. La castanicoltura era un tempo fulcro delle attività economiche locali, oggi, invece, si trova in una situazione di marginalità, che non offre elementi utili per l’avvio di un vero e proprio sistema produttivo specifico. Da fulcro della vita quotidiana per ampie fasce di popolazione la castagna è stata progressivamente relegata a forme evocative nel contesto di sagre popolari, tra cui la Sagra della Castagna di Cave (giunta quest’anno all’85esima edizione) e quella della “Mosciarella” – termine che identifica una castagna essiccata con un particolare procedimento – a Capranica Prenestina (attiva da 40 edizioni).


La mission del progetto, finanziato dal Gruppo di Azione Locale “Terre di Pre.Gio.” insieme ad altri due progetti “gemelli” che approfondiranno il tema vino e olio del nostro territorio, è lo studio di questo potenziale castanicolo. I castagneti da frutto sono considerati elementi fondamentali del paesaggio ad elevata biodiversità agraria e naturalistica, componente essenziale del patrimonio culturale e storico; tali aree castanicole hanno, oggi, anche una funzione turistico-ricreativa.
Anche se nel Lazio sono censite oltre 6.000 aziende agricole del comparto castanicolo di cui il 47% si trova in montagna.


Gli obiettivi tecnico-scientifici posti dal progetto sono ambiziosi e contribuiranno a determinare l’assetto fisionomico delle formazioni vegetazionali della selva castanicola, arrivando alla caratterizzazione del germoplasma castanicolo locale. La determinazione del valore ambientale porterà alla concretizzazione della proposta di riconoscimento dei castagneti da frutto di Cave e Capranica Prenestina come paesaggio storico locale, con la creazione di una mappatura generale dell’area che rappresenterà il territorio attraverso la sua produzione castanicola, distinguendo le proprietà e i diritti di uso civico per l’efficientamento gestionale del territorio. Tutte le attività verranno comunicate e pubblicizzate attraverso la creazione di un nuovo sito internet dedicato interamente al mondo castanicolo prenestino.


Oggi la Castagna può tornare a rivestire un ruolo importante per lo sviluppo della montagna: è necessario, però, accompagnarne lo sviluppo lungo nuove strade, in grado di condurre all’accesso ai mercati e conquistare un consumatore attento, che sappia esaltare la qualità di questo frutto, la ricchezza paesaggistica ed ambientale che testimonia, i valori dell’antica tradizione di questi luoghi di cui si fa simbolo.
E’ tempo di dare valore a questi preziosi alberi e di valorizzare tutto il territorio che li ospita.

14 Ottobre 2020
Temporali in arrivo, allerta della protezione civile per 36 ore
14 Ottobre 2020
Zagarolo, arriva il drive in per la classe in quarantena

Sorry, the comment form is closed at this time.