Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer vitae adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget ut, dolor. Aenean massa. Cum sociis pretium qui asem. Nulla consequat massa quis.

Post più letti

Iscriviti alla newsletter
[contact-form-7 404 "Not Found"]

A Genazzano si torna a bere l’acqua dai rubinetti: Acea investe oltre 600mila euro


Risolto il problema correlato con le abbondanti precipitazioni di carbonato di calcio e magnesio

Dopo un periodo di progettazione e condivisione sugli obiettivi per il miglioramento del servizio idrico anche a Genazzano arrivano i primi risultati sul fronte dell’emergenza idrica di Acea ATO2 S.p.A.


In particolare gli interventi hanno riguardato:
• la progettazione, fornitura e posa in opera di un impianto per la riduzione della durezza dell’acqua installato presso il pozzo di San Filippo internamente all’area di pertinenza del centro idrico di Via C. Caroselli;
• gli interventi di posa di nuove tubazioni in ghisa sferoidale (diametro 80 e 100 mm) per la bonifica e sostituzione delle esistenti e dei portatori di alimentazione delle utenze localizzate nelle seguenti vie: Via P. Togliatti, Via C. Caroselli, Via P. Nenni, Piazza Berlinguer, Via S. Vannutelli, Via F. Gregorovius, Via D. Bramante, Via Nervi, Via Acqua Santa.

La realizzazione di questi interventi, ha comportato un investimento complessivo di oltre 600.000 € per la progettazione e realizzazione del potabilizzatore e delle opere connesse e per la bonifica della rete idrica, ed ha risolto il problema correlato con le abbondanti precipitazioni di carbonato di calcio e magnesio nell’intera rete idrica locale dovute alle caratteristiche dell’acqua del pozzo San Filippo che ha determinato nel tempo situazioni di deterioramento, riduzione di sezione nelle tubazioni e disservizi alle utenze.
Ripristinato in tutto il Quartiere San Filippo il manto stradale e la segnaletica.

Di imminente realizzazione sono altri importanti interventi:
• l’ottimizzazione del funzionamento del potabilizzatore San Filippo di Via C. Caroselli mediante la fornitura e posa in opera di un nuovo sistema di disinfezione;
• l’installazione entro l’anno sulla rete idrica comunale di apposite valvole per l’ottimizzazione e il controllo delle pressioni di rete che saranno installate nelle seguenti vie: Piazza Santa Maria, Via D. Bramante, Via Martino angolo Via del Papa
• la messa in esercizio entro l’anno della condotta da Genazzano a Cave, che consentirà di alimentare i comuni di Genazzano e Cave dal Nuovo Acquedotto Simbrivio-Castelli, in maniera ridondante rispetto all’attuale condotta Olevano – Genazzano – Cave (Vecchio Acquedotto del Simbrivio), soggetta a disservizi frequenti.

SEGUI MONTI PRENESTINI BASTA METTERE MI PIACE

30 Giugno 2020
Chiude impianto rifiuti, possibili disagi nei comuni della provincia di Roma
30 Giugno 2020
Coronavirus, oggi 5 nuovi contagi nel Lazio. Un positivo ogni 544 test

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *