Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer vitae adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget ut, dolor. Aenean massa. Cum sociis pretium qui asem. Nulla consequat massa quis.

Post più letti

Iscriviti alla newsletter
[contact-form-7 404 "Not Found"]

A piedi sul Monte Cerella, la cima che domina i Monti Prenestini

Domani a prossima 6 ottobre il Cai sezione di Palestrina torna sui Monti Prenestini per percorrere uno dei sentieri più belli e affascinanti dell’intero territorio: l’anello del Monte Cerella.

L’anello di Monte Cerella è stato inaugurato il 31 ottobre 1998 nell’ambito della Settimana nazionale dell’educazione ambientale, dalla Sezione del C.A.I. di Palestrina in collaborazione della Provincia di Roma e le scuole medie “Giovanni Pierluigi da Palestrina” e “Verrio Flacco” di Palestrina ed il 1° ed il 2° Circolo Didattico di Palestrina. Dalla vetta si riesce a scorgere il mare in compagnia delle bellissime mucche maremmane, che pascolano pacifiche sulle creste.

LE INDICAZIONI

Il punto di partenza è al parcheggio Ara di palazzo di Pisoniano per poi percorrere il sentiero Karol Wojtyla. che raggiunge il santuario della Mentorella.

Dall’ampio parcheggio situato in prossimità dall’ampia curva a gomito precedente il Santuario della Mentorella, si prende il sentiero che inizia  subito a monte di un muretto. Si segue il sentiero  che per breve tratto procede a mezza costa e dopo aver attraversato un tratto di bosco misto, prosegue inoltrandosi in un fitto bosco di faggi. L’ambiente naturale , bellissimo, restituisce all’escursionista non frettoloso, l’esatta dimensione dell’ originario ambiente naturale dei monti prenestini, altrove pericolosamente compromesso da secoli di manomissioni selvagge. In leggera salita si raggiunge una macera di confine oltre la quale, comodamente si perviene presso località “Tre Confini” (cippo). Volgendo a sinistra, doppiata a destra “L’Osteria del Guadagno”  (capanno), si rimonta il filo di cresta delle “Cimate” (evidenti gli incroci con il percorso della “Via delle Creste”) raggiungendo su ripido terreno, la cima di Monte Vincenzo m.1144 prima e di Monte Cerella m 1202 poi. Andando in direzione del Monte Guadagnolo si raggiunge una sterrata da cui evidenti segnalazioni su costa brulla, si distaccano a sinistra per ricondurre  in breve al Santuario della Mentorella.

Per tutte le info come partecipare clicca qui

30 Settembre 2019
I maestri infioratori di Genazzano a Vinci per celebrare Leonardo
30 Settembre 2019
Giovani ideatori di giocattoli, a Zagarolo parte il laboratorio creativo

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *