Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

“A rivedere le stelle”, Dante farà tappa anche a Palestrina


Nell’ambito delle celebrazioni per i 700 anni dalla morte del sommo poeta

Il 2021 è un anno speciale per la cultura del nostro paese. Nell’ambito delle celebrazioni per i 700 anni dalla morte di Dante Alighieri, è stato presentato oggi in diretta sulla pagina Facebook della Regione Lazio ‘A Riveder le Stelle’: un programma di interessanti eventi dedicati al Sommo Poeta consultabili sul sito www.regione.lazio.it/rl/dante/ che prenderanno il via con il ‘Dantedì’ del 25 marzo e, compatibilmente con le disposizioni governative in materia di contagio, proseguiranno per tutto il 2021.

Il calendario si arricchirà con tanti appuntamenti che animeranno teatri, musei, parchi e monumenti naturali, biblioteche, palazzi, istituti culturali e tanti altri luoghi della cultura sull’intero territorio regionale. Nel corso della conferenza stampa sono intervenuti: Roberta Lombardi, Assessora regionale alla Transizione Ecologica e Trasformazione Digitale (Ambiente e Risorse Naturali, Energia, Agenda Digitale e Investimenti Verdi); Valentina Corrado, Assessora regionale al Turismo, Enti Locali, Sicurezza Urbana, Polizia Locale e Semplificazione Amministrativa; Albino Ruberti, Capo di Gabinetto del Presidente della Regione Lazio; Domenico Corgentile, delegato alla cultura del Comune di Borbona (Rieti); Massimiliano Borelli, Sindaco di Albano Laziale (Roma); Marco De Carolis, Assessore alla Cultura del Comune di Viterbo; Simone Cretaro, Sindaco di Veroli (Frosinone); Carmela Cassetta, Presidentessa del Parco Riviera D’Ulisse (Latina).

Al via, giovedì 25 marzo i primi eventi digitali, in ottemperanza alle disposizioni governative attualmente in vigore per il contenimento del contagio da Covid-19. Alle 10, la Fondazione Camillo Caetani propone ‘Un papa all’Inferno. Dante e i Caetani’: online sul canale YouTube e sul sito della Fondazione www.fondazionecamillocaetani.it, lo scrittore e regista Idalberto Fei intervista il professor Rino Caputo (Università di Roma Tor Vergata) e il professor Massimiliano Tortora (Università di Torino); per l’occasione, sarà disponibile virtualmente il testo del manoscritto della Divina Commedia nella riproduzione anastatica curata da Gelasio Caetani nel 1930. Alle 11, appuntamento sui canali social del Museo Civico Archeologico di Veroli (FR) dove verrà condiviso ‘E quindi uscimmo a riveder le stelle’: un suggestivo video girato nell’ipogeum del museo in collaborazione con il Teatro comunale in cui, come nella ‘Natural Burella’ attraversata da Dante e Virgilio nell’ultimo canto dell’Inferno, sarà possibile ripercorrere idealmente l’ultimo tratto del viaggio compiuto da Dante nella prima cantica. Alle 16.30, da Palazzo Savelli prosegue il ciclo di 14 incontri dedicati alla Commedia organizzata dai Musei Civici di Albano Laziale, in streaming gratuito sulla piattaforma GoToMeeting, con la conferenza a cura dei professori Aldo Onorati e Carmelo Ucchino dedicata al Canto XIII dell’Inferno; il pubblico potrà approfondire una delle figure topiche dell’opera dantesca, Pier Della Vigna: il Consigliere di Federico II che è trasformato in albero e protesta la sua innocenza contro l’invidia delle ‘corti’ che lo ha costretto a togliersi la vita (per accedere alla piattaforma è possibile richiedere le credenziali inviando una mail a cultura@comune.albanolaziale.rm.it).

Tantissimi gli eventi anche nei musei, nelle biblioteche e negli istituti culturali che hanno fatto richiesta di accreditamento negli albi regionali. Tra maggio e settembre, attesa al Museo di scultura antica Giovanni Barracco di Roma la mostra ‘La Vita Nova: l’amore in Dante nello sguardo di dieci artiste’: il progetto espositivo promosso dal Centro Studi Roccantica e a cura di Alessandra Mammì in cui il pubblico potrà ammirare le opere ispirate dalla celebre opera giovanile di Dante realizzate da 10 protagoniste dell’arte. Il Museo Laboratorio della Mente di Roma propone il 10 luglio l’evento ‘La Follia di Dante’: lettura-spettacolo di brani della Divina Commedia accompagnati da un quartetto d’archi. Il 17 e 31 luglio e il 14 e 28 agosto, il MAO | Museo Archeologico Oraziano di Licenza (RM) ospita ‘Echi di vita, acqua e terra Quaestio de aqua et terra’: installazione audiovisiva nata dalla reinterpretazione sonora e visiva del testo omonimo dantesco che sarà allestita nella piazza del Palazzo Orsini Borghese di Licenza, sede del Museo.

Tra i prossimi appuntamenti delle biblioteche laziali, il 6 maggio la Biblioteca comunale Oriolo Romano porta nel comune del viterbese una delle tappe de ‘La Divina Commedia in 100 borghi’: spettacolo itinerante ideato da Matteo Fratarcangeli e prodotto dall’Associazione Culturale ‘Il Tempo Nostro’ che ogni giorno porterà un canto diverso in un borgo differente. In questa tappa a Oriolo Romano sarà presentato al pubblico il Canto IX del Purgatorio. Il 16 maggio la Biblioteca comunale di Vignanello (VT) propone ‘E quindi uscimmo a riveder le stelle…’: estemporanea di pittura e di improvvisazione di lettura in collaborazione con il liceo Artistico Midossi e Coop e che vedrà il coinvolgimento degli studenti del liceo per la sezione artistica e delle scuole di ogni ordine e grado di Vignanello, il centro anziani e i volontari della Biblioteca per la lettura dei versi. I quadri realizzati verranno esposti il 18 luglio in una mostra itinerante lungo le vie del centro storico. Dal 23 al 31 agosto, la Biblioteca comunale di Borbona (RI) proporrà letture giornaliere delle più belle pagine dantesche a opera di volontari frequentatori della biblioteca e la mostra libraria ‘700 anni di Dante’.

In programma, inoltre, il ciclo ‘Dante e la Rocca di Palestrina, un racconto lungo 700 anni’ a cura della Biblioteca comunale Fantoniana di Palestrina (RM) che prenderà il via l’11 settembre: ‘Lectura Dantis’, declamazione dei versi e il loro commento, a opera di docenti di licei e universitari. Sempre l’11 settembre, la Biblioteca della Bicicletta Lucos Cozza di Trevignano Romano (RM), in collaborazione con il Museo delle figurine – Fondazione Modena Arti Visive di Modena, propone ‘vianDANTE. La Divina Commedia a due ruote’: un teatrino itinerante a pedali in cui immagini dedicate alla Divina Commedia formeranno un cartellone da cantastorie (opere e teatrino di Fernanda Pessolano, lettura di Caterina Acampora).