Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

A Tivoli e Palombara il secondo appuntamento della prima stagione concertistica “Musica Est”

a cura della redazione

Dopo il grande successo dei concerti e della masterclass del giovane e talentuoso chitarrista Gianmarco Ciampa, che hanno avuto luogo lo scorso 3 e 4 maggio a Tivoli Terme e Palombara Sabina, è in arrivo il secondo appuntamento della prima stagione concertistica “Musica Est”.

La rassegna è stata ideata e organizzata da un gruppo di docenti delle scuole secondarie ad indirizzo musicale della provincia, nello specifico Barbara Ceccarelli e Riccardo Ospici, che insegnano, rispettivamente, flauto traverso e percussioni presso l’I.C. di Palombara Sabina; Francesca Timperi, Francesco Cipriani e Pierluigi D’Amato, docenti di flauto traverso, chitarra e pianoforte presso l’I.C. Tivoli V; Stefano Notarangelo e Maurizio Tisei, professori di pianoforte e chitarra presso l’I.C. San Cesareo ed Egidio Decino, cornista e responsabile del polo culturale “Matteo Quaglini” di Palombara Sabina.

Come spiegato dal Prof. Tisei nel corso del primo appuntamento, l’intento di tale progetto è quello di offrire anche a chi risiede in provincia la possibilità di assistere a esibizioni di musica classica, ma non solo, di artisti di altissimo livello, di contribuire attivamente al dinamismo culturale dell’area sud-est della Capitale, nonché di far vivere ai giovanissimi allievi degli istituti ad indirizzo musicale un’esperienza altamente formativa che li vede protagonisti di ciascun appuntamento nelle vesti di interpreti, in apertura a ogni concerto, e di intervistatori dei musicisti al termine di ogni esibizione, in uno scambio costante che sottolinea quanto la musica sia metalinguaggio prezioso ed efficace nel mettere in comunicazione e favorire la condivisione fra persone appartenenti a generazioni e background diversi.

Venerdì 17 maggio presso l’Auditorium “Orazio” di Tivoli Terme e sabato 18 presso il teatro “Il Cavallino di Bianco” di Palombara Sabina, a partire dalle 20:30, a salire sul palco saranno i musicisti dell’Hammond Trio, formazione collaudata che da anni propone un repertorio jazz anni ‘50-’60 e che, in quest’occasione, regalerà al pubblico un interessante viaggio alla scoperta delle affascinanti sonorità di Miles Davis.

L’ensemble è composto da Giambattista Gioia, alla tromba, Oliver von Essen al piano Hammond e Andrea Bonioli alla batteria.

Gioia, originario di Colleferro, si è diplomato in tromba al conservatorio “Licinio Refice” di Frosinone, vanta nel suo curriculum partecipazioni ai più prestigiosi festival jazz nazionali e internazionali e collaborazioni con artisti di incredibile caratura, come Steve Grossman.

Von Essen, musicista e insegnante di musica, attivo presso la New School University di New York, si è esibito in alcune delle rassegne jazzistiche più importanti al mondo.

Ultimo, ma non meno importante, Bonioli, classe 1974, diplomato in Percussioni presso il Conservatorio di Monopoli e, successivamente, in vibrafono jazz presso il Conservatorio “Santa Cecilia” di Roma, annovera nel suo palmarescollaborazioni con l’Orchestra Nazionale della RAI, con la Roma Sinfonietta, con Ennio Morricone, Nicola Piovani, Rogert Waters, Fiorella Mannoia e partecipazioni ai più noti festival nazionali e non.

Gli ultimi due appuntamenti della rassegna, previsti il 31 maggio e il 1 giugno, saranno impreziositi dall’esibizione di un duo composto da Andrea Salvi al flauto traverso e Giulia Bigioni all’arpa.

Un caleidoscopio di note ed emozioni che arricchisce enormemente l’offerta culturale del territorio, sottolineando quanto la provincia possa rappresentare un humus assai fertile per far fiorire iniziative e progetti che siano veicolo di importanti istanze e autentica bellezza.

 

Romina Russo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: