Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

A Zagarolo arriva capitan Ambiente: ed è un successo nelle scuole

Nelle scuole di Zagarolo arriva Capitan Ambiente, il fumetto della Regione Lazio sulla raccolta differenziata
Nella mattina di oggi, Mercoledì 17 Aprile, è stato distribuito il fumetto nelle scuole elementari e medie dell’Istituto Comprensivo Zagarolo con l’obiettivo di sensibilizzare gli studenti sui temi dei rifiuti e dello spreco alimentare.
E’ il secondo appuntamento di educazione ambientale, dopo l’evento organizzato nello scorso mese in collaborazione con Legambiente Lazio. Il 22 Maggio l’iniziativa verrà svolta anche nell’Istituto Comprensivo Rita Levi Montalcini di Valle Martella.


La campagna di informazione per la tutela ambientale che ha per protagonista Capitan ambiente è declinata anche in formato audiovisivo: oltre al fumetto, le gesta dell’eroe che salva il mondo dalla plastica verranno raccontate anche con sei dvd.
Presenta l’Assessore al Ciclo dei rifiuti della Regione Lazio, Massimiliano Valeriani. “Questa campagna di educazione ambientale per le scuole – spiega l’Assessore regionale – rientra nel piano “Lazio plastic free”, un vasto programma di iniziative promosse dall’amministrazione Zingaretti con l’obiettivo di favorire la riduzione dei rifiuti e il corretto riciclo degli scarti”.
Per l’Amministrazione comunale di Zagarolo hanno presenziato il Vicesindaco Emanuela Panzironi e l’Assessore alle Politiche ambientali, Andrea De Santis. “Un’occasione per favorire l’apprendimento delle buone pratiche legate alla cultura ambientale – hanno spiegato. – Le iniziative promosse dalla Regione Lazio sono tese alla riduzione dei rifiuti e ad un corretto riciclo degli scarti. Gli ultimi numeri della raccolta differenziata di Zagarolo ci fanno ben sperare per l’ingresso nella classifica dei “Comuni ricicloni. Un ringraziamento va, ancora una volta, alla dirigente scolastica e agli insegnanti, sempre sensibili alla tematica ambientale e alla “formazione verde” orientata agli studenti”.