Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Addio a Katia, la storica commessa del negozio di scarpe Millepiedi di Palestrina

di Laura Ferri

Ci sono persone che entrano a far parte della tua vita anche se non conosci neanche il loro nome. Sono il fornaio, la farmacista, la commessa del negozio sotto casa. 

Volti che diventano familiari, voci amiche che ti danno il buon giorno, sorrisi e gesti gentili che come in un puzzle si incastrano nella giornata di ognuno di noi. 

Piccoli tasselli, che in un modo o nell’altro involontariamente contribuiscono a disegnare, e a volte cambiare, il corso della giornata. Katia era una di queste. 

Ho appreso il suo nome solo ora che non c’è più ma per me era e rimarrà sempre la commessa storica del negozio di scarpe Millepiedi di Palestrina. 

Sempre pronta a dare consigli sul tipo di scarpa da acquistare, a trovare il numero o il modello giusto: anche a fine giornata sempre con quel modo di fare gentile e garbato che metteva tutti a proprio agio, che faceva sentire non un cliente ma una persona amica. Una gentilezza e una bontà d’animo che è difficile trovare al giorno d’oggi.

Si è spenta domenica 31 marzo, all’età di 50 anni, nella sua abitazione di Cave circondata  dall’amore immenso della sua famiglia, in particolare di suo marito, dei suoi figli, della madre, del padre, della sorella e delle cognate.

Scopri di più

Le sono stati vicini fino all’ultimo, assistendola giorno e notte, dandole conforto nei momenti più difficili in cui era tormentata da quel mostro che la stava portando via per sempre da loro.

Ha lottato fino all’ultimo contro un brutto male Katia, senza perdere il suo splendido sorriso anche nella sofferenza.

Per lei la sua famiglia veniva sopra ogni altra cosa - mi ha detto il figlio - era una persona molto riservata si preoccupava che stessimo bene noi tutto il resto passava in secondo piano.
A Palestrina - Scopri di più

Se n’è andata il giorno di Pasqua, non un giorno qualunque per chi crede. Forse un segno, un messaggio divino per chi l’ha amata e la conosceva bene: “la morte e’ solo un passaggio verso la vita eterna, e arriverà il giorno in cui ci ritroveremo per sempre”.

Fai buon viaggio Katia.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: