Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Anche ai Monti Prenestini arrivano i test sierologici: ecco le strutture accreditate


Da Cave a Colleferro: ecco come funzionano

Da oggi anche Nell’Asl Roma 5 parte l’indagine di sieroprevalenza per l’identificazione degli anticorpi diretti verso il virus SARS-CoV-2 – ovvero “Indicazioni operative per il percorso di esecuzione e registrazione di test sierologici mediante prelievo venoso e ricerca del virusSARS-CoV-2 .

Sul territorio di Roma sud ci si potrà rivolgere all’ospedale di Colleferro oppure ai 6 laboratori accreditati: Ini Spa Villa Dante di Guidonia, Alliance Medical Diagnostics, Laboratorio Clinico Nomenmtano srl (Monterotondo), Lifebrain (Guidonia), Sanitas 2002 srl (Cave) Studio dott. Di Fraia (Colleferro).

Il protocollo prevede che l’accesso al test dei cittadini presso tali strutture avvenga previa prescrizione su ricetta BIANCA del medico curante ossia , Medico di Medicina Generale, Pediatra di Libera Scelta, specialista, medico competente, etc. ed effettuato in regime privatistico, con oneri non a carico del Sistema Sanitario Regionale con tariffa di 15,23 € .

Con la ricetta e la tessera sanitaria, il cittadino si presenta in una struttura autorizzata/accreditata tra quelle indicate nell’Allegato della disposizione ed effettuano l’esame.

Se il risultato è NEGATIVO non si deve fare nulla e il percorso cessa ovvero la persona non è venuta in contatto con il virus.

Se il risultato è POSITIVO l’assistito deve informare il proprio Medico di Medicina Generale che :

1. Procede alla segnalazione di sospetto al SISP territorialmente competente secondo le modalità definite a livello regionale; nel contempo provvede anche a segnalare il caso, via telefono, al SISP medesimo.

2. Prescrive, attraverso ricetta dematerializzata, il tampone naso/orofaringeo per la ricerca di SARS-CoV-2, inserendo il codice di esenzione 5G1;

3. Invia la prescrizione per e-mail all’utente (il codice NRE) e al SISP territorialmente competente;

4. Comunica all’utente le sedi dei “drive in” della ASL di residenza dove dovrà recarsi per effettuare il tampone naso/orofaringeo, a partire dal giorno successivo ed entro 48h dall’emissione della prescrizione, munito di tessera sanitaria e numero NRE della prescrizione stessa;

5. Se necessario, provvede al rilascio della certificazione di malattia.

La disposizione elenca e specifica anche le competenze del SISP e dei laboratori che effettuano l’esame.

PERTANTO L’ACCESSO GRATUITO AI TAMPONI È SUBORDINATO ALLA POSITIVITA’ DEL TEST E ALLA SEGNALAZIONE AL SISP