Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Animali, sorgenti e percorsi naturali: Gallicano nel Lazio celebra i fontanili

L’acqua è uno degli elementi caratterizzanti la storia e il territorio di Gallicano nel Lazio, ne sono testimonianza i grandiosi acquedotti romani (LEGGI QUI) ma anche le numerose sorgenti sparse nel territorio comunale. Quest’ultime fino al secolo scorso alimentavano alcuni fontanili trasformati e sfruttati nel corso degli anni per uno scopo molto pratico ed antico: l’irrigazione dei campi. Negli ultimi anni, a seguito del progressivo abbandono delle attività agricole, questi luoghi sono ricaduti nel degrado.

Grazie a una sinergia tra Comune di Gallicano nel Lazio, Università Agraria e Pro Loco oggi i fontanili tornano a rivivere con il prezioso lavoro di tanti volontari. Risale all’anno scorso la prima iniziativa per la ripulitura del fontanile Linaro, uno dei più importanti dell’intero territorio, punto di riferimento per tanti agricoltori e allevatori, costruito nel 1869 dal principe Francesco Pallavicini.

Oggi l’opera di riqualificazione rappresenta una vera e propria azione collettiva, che ha visto giovani e anziani impegnati fianco a fianco per il recupero di questi spazi verdi. Così lo scorso anno è nata, quasi spontaneamente, la prima festa che celebra questi luoghi e la cultura agraria. Il prossimo anno l’iniziativa si ripete, con la seconda edizione della Festa dei Fontanili (SCOPRI IL PROGRAMMA PIÙ AVANTI).

I LAVORI

Quest’anno l’occasione è data dalla riqualificazione di un’altra sorgente chiamata da tutti “Lu bullente” perché in passato erogava acqua tiepida. Una caratteristica unica nel territorio, una risorsa apprezzata in passato per le sue qualità “taumaturgiche” e che oggi si apre a nuove possibilità di riutilizzo. La nuova area de “Lu bullente” si presta anzitutto al pic nic e a una giornata di relax grazie alla ristrutturazione delle panchine e al posizionamento di due nuovi barbecue. Fu riqualificata negli anni 2000 e poi in totale abbandono fino ai giorni nostri. Le opere di quest’anno sono state volute dall’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Pietro Colagrossi, in collaborazione con l’Università Agraria, che si è resa disponibile fin da subito all’opera di valorizzazione di queste fonti.

«Ringrazio i volontari, l’Università agraria e i volontari tutti per questa straordinaria opera di recupero – dichiara il sindaco Pietro Colagrossi. Questi luoghi rappresentano una parte della nostra identità e storia passata, valorizzarli è un motivo di orgoglio per tutti coloro che hanno lavorato in questi mesi. La nostra azione di recupero di questi luoghi non si ferma qui ma proseguirà nel tempo per preservarli dall’incuria e dall’opera di qualche malintenzionato».

«L’intento – spiega l’assessore alla Cultura, Veronica Galli – è quello di allietare il periodo estivo non solo dei più grandi, ma anche dei più piccoli, con l’ obiettivo di far rivivere all’intera comunità l’amore per il proprio paese, valorizzando quei luoghi simbolo, come gli antichi fontanili che caratterizzano la storia di un’ epoca del nostro territorio.
Un ringraziamento particolare – aggiunge Galli – a tutti i volontari che hanno reso possibile il recupero e la valorizzazione di questi luoghi».

In questi giorni i volontari stanno ultimando le operazioni di bonifica e ripulitura: per venerdì il fontanile sarà di nuovo colmo di acqua come in passato.

IL PROGRAMMA

Il programma dei festeggiamenti della festa dei Fontanili, realizzato dalla Pro Loco con la preziosa collaborazione dell’assessore alla Cultura, Veronica Galli, si aprirà domani, venerdì 19 luglio con “Il cinema sotto le stelle”, la rassegna inaugurata la scorsa settimana che proporrà in questo appuntamento il celebre cartoon “Inside out” (appuntamento 21,30).

Il programma dei festeggiamenti proseguirà sabato a partire dal pomeriggio con il torneo di calcio balilla umano. Per i più piccoli, la possibilità di entrare in contatto con gli animali, grazie al Battesimo del cavallo. In serata è atteso il concerto della tribut band, con le composizioni di Toto, Pink Floyd e tanti altri.

Domenica la chiusura della festa. Si parte dalla mattinata con la celebrazione della Santa Messa alle 10. Nel pomeriggio alle 17 la II edizione di “Ci vorrebbe un amico…a quattro zampe”, esposizione di bellezza cinofila amatoriale. dalle 19 le finali del torneo del calcio balilla e alla 21 musica dal vivo con Hamnesia, musica dagli anni ’80 a oggi. Alle 22 conclude la serata lo spettacolo di cabaret di Dario D’Angiolillo.

??RESTA SEMPRE AGGIORNATO: CLICCA MI PIACE ALLA PAGINA MONTI PRENESTINI QUI SOTTO??