Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Approda a Olevano Romano “Il volo pindarico dell’anatra zoppa”

a cura della redazione

 

Si terrà martedì 8 gennaio alle 18, presso la pizzeria l’aula consiliare di Olevano Romano, la presentazione del libro “Il volo pindarico dell’anatra zoppa”, un racconto appassionato e puntuale, a metà strada tra il viaggio e il rendiconto, del primo mandato da Consigliera regionale di Michela Califano. A presentarlo, assieme all’autrice, la giornalista Chiara Rai.

 

In un’epoca in cui le relazioni sono sempre più virtuali e passano quasi esclusivamente per i canali social, la Consigliera Regionale Michela Califano sceglie un mezzo tradizionale per raccontare i suoi cinque anni all’interno delle istituzioni, lo fa con un libro, un pamphlet in cui illustra ai lettori il bilancio dei successi ottenuti, ma rivela anche le emozioni provate, gli aneddoti e le difficoltà superate in un quinquennio caratterizzato dalla pandemia da Covid-19, affrontata brillantemente dalla Regione Lazio, tanto da diventare un riferimento per la sanità nazionale. Ne esce un racconto coinvolgente e mai scontato, un “dietro alle quinte” delle istituzioni da leggere con piacere.

 

“Un viaggio intenso – sottolinea Michela Califano – che è partito dai territori, tra le persone, e che sui territori e tra le persone ritorna, con un bagaglio fatto di risultati concreti ottenuti, leggi moderne approvate, opere innovative e interventi di risanamento che hanno portato la nostra regione a cancellare il disavanzo ereditato, a uscire dal commissariamento della sanità in cui il centrodestra l’aveva lasciata, a guadagnarsi l’appellativo di ‘Modello Lazio’. Un viaggio che voglio raccontare di persona ai cittadini della provincia di Roma, una scelta naturale per chi mi conosce e sa che del rapporto diretto, del contatto umano, ho fatto i pilastri del mio agire politico, facendolo coincidere con lo slogan che più mi appartiene e a cui più tengo: connettiamoci”.