Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Arriva a vandalizzare l’auto dell’ex: 60enne di Artena in manette

a cura della redazione

 

Nl ell’ambito di due distinte attività d’indagine, coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Velletri, i Carabinieri della Stazione di Colleferro hanno dato esecuzione a due ordinanze con la quale il GIP di Velletri ha disposto la custodia in carcere nei confronti nei confronti di un 63enne di Montelanico e un divieto di avvicinamento nei confronti di un 60enne di Artena, entrambi gravemente indiziati di atti persecutori. 

a Palestrina

Le denunce rese dalle vittime hanno dato il via all’iter investigativo che, hanno permesso accertale gravi elementi indiziari in ordine al fatto che il 63enne, non accettando la fine della relazione con la sua ex avvenuta nel mese di marzo 2023, l’avrebbe dapprima minacciata e poi posto in essere condotte persecutorie, seguendola negli spostamenti e inviandole messaggi con minacce di morte; mentre il 60enne a cui è stato prescritto il divieto di avvicinamento ad una distanza di 500 metri, non accettando la fine di una relazione sentimentale durata circa dieci anni, avrebbe  prima minacciato la ex donna, poi graffiato la macchina squarciandole anche gli pneumatici,  seguendola sul luogo di lavoro e infine inviando numerosi messaggi minatori in cui lasciava trasparire che avrebbe proseguito a danneggiarle l’auto.

A supporto del quadro indiziario sono risultati decisivi come sempre i messaggi estrapolati dal telefono delle vittime, il racconto dei testimoni ai quali le vittime avevano confidato il loro profondo timore scaturito dai comportamenti dei due uomini.

Ancora una volta le due storie si sono concluse con l’emanazione dei due provvedimenti da parte del Tribunale di Velletri che hanno posto fine agli atti persecutori ed hanno restituito tanta serenità alle vittime di questo odioso reato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: