Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

title-image

Blog

Ascensore inclinato di Montecompatri, il caos della manutenzione. Tra spese “folli” e lamentele

L’Amministrazione Comunale, a seguito di importanti interlocuzioni con i vari responsabili della gestione e del controllo, ha deciso di dare avvio alle procedure per la revisione generale sull’impianto di ascensore inclinato che collega via Cavour a via Placido Martini. Si ritiene indispensabile eseguire interventi risolutivi sull’impianto volti a garantire continuità nell’esercizio. 

A San Cesareo

Una scelta arrivata alla fine di un’accurata analisi della documentazione e dei costi sostenuti per la manutenzione in relazione al reale funzionamento.

La mole di documenti analizzata in questi giorni – spiega il sindaco Francesco Ferri – ci ha permesso di quantificare puntualmente quanto è costata la manutenzione al Comune di Monte Compatri. È inaccettabile continuare a spendere soldi pubblici senza avere garanzie sul funzionamento dell’impianto ascensore. Stiamo portando avanti una precisa analisi dei problemi e dei costi da sostenere, affinché venga definitivamente garantita la continuità di esercizio, secondo gli standard prefissati”.

Le verifiche degli atti effettuate in queste settimane dall’Amministrazione comunale, hanno evidenziato la necessità di definire ruoli e coordinamento tra chi ha costruito l’impianto, chi si è occupato della manutenzione e chi svolge il ruolo di responsabile di esercizio.

Purtroppo non si tratta solo di un problema tecnico – spiega l’assessore ai Lavori Pubblici Antonio Martorelli – è importante che il servizio di manutenzione integrale coinvolga anche direttamente il costruttore dell’impianto, affinché l’efficienza e la regolarità del servizio siano garantite secondo gli indirizzi della casa costruttrice. Siamo consapevoli della necessità di ripristinarne il funzionamento il prima possibile, ma ciò non potrà avvenire con le modalità utilizzate, ossia interventi non risolutivi e costi ingiustificabili”.