Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Asl Roma 5, 10 nuovi casi. La Regione annuncia nuovi test per capire la diffusione del virus


Preoccupa ancora la situazione delle Rsa ma la situazione ora sembra sotto controllo. Ecco come può intervenire la scienza

46 pazienti guariti, nelle ultime 48 ore: 920 in totale dall’inizio dell’epidemia. Il dato dei guariti è uno dei più confortanti tra le notizie positive uscite fuori nell’ultimo bollettino della Regione Lazio sull’emergenza Coronavirus.

Nell’Asl Roma 5 oggi i casi sono 10, un trend pressoché stabile che ha subito un leggero aumento per i ricoveri nelle Rsa sparse sul territorio della Regione. Qui preoccupa la situazione di Rocca di Papa, 138 casi tra cui un paziente di cave, e l’iniziativa di Grottaferrata, da dove proveniva una paziente di Gallicano nel Lazio che a sua volta avrebbe infetto 6 famigliari.

Tra i 10 casi, uno è a Cave (proveniente da una Rsa ai Castelli) e l’altro a Palestrina (negativo il primario dell’ospedale).

Intanto oggi l’assessore regionale alla Sanità Alessio D’Amato ha annunciato nuovi test epidemiologici sulla popolazione.

«Si parte con 60mila. Abbiamo avuto le prime adesioni da parte delle forze dell’ordine e abbiamo messo a punto le modalità. Poi estenderemo il programma fino a 300mila, includendo anche il personale sanitario». Poliziotti, carabinieri, vigili del fuoco e militari: saranno loro, gli operatori della sicurezza e del soccorso, coinvolti nell’indagine epidemiologica della Regione. A spiegarla è l’assessore alla Sanità del Lazio, Alessio D’Amato.

«È un’indagine epidemiologia – chiarisce l’assessore al Corriere della Sera. Effettuata su un campione omogeneo e ripetibile nel tempo, ogni due-tre mesi. Ci servirà per capire come è circolato il virus nella popolazione. Se su i 300mila totali la percentuale rimarrà 1-2%, allora vorrà dire che sono stati intercettati praticamente tutti i positivi. Ed estenderlo sarebbe inutile. Se invece la percentuale sarà maggiore, allora il discorso cambia. Ma a oggi non risulta sia così. Nel Lazio sono stati fatti oltre 80mila tamponi. E ci sono 5mila positivi. Il che vuole dire che una percentuale superiore al 90% è negativa».

SEGUI GLI AGGIORNAMENTI SUL CORONAVIRUS METTI MI PIACE