Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer vitae adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget ut, dolor. Aenean massa. Cum sociis pretium qui asem. Nulla consequat massa quis.

Post più letti

Iscriviti alla newsletter
[contact-form-7 404 "Not Found"]

ASL Roma 5, 9 casi e 3 morti. Ma ci sono ancora recuperi


Intanto si inizia a pensare a una fase 2 degli ospedali

9 nuovi casi positivi di cui 7 sono un recupero di notifiche arretrate. Ancora con qualche ritardo come ieri, l’Asl Roma 5 aggiorna i nuovi contagi nel territorio di riferimento. Un dato in linea con il trend regionale che si mantiene sotto l’1%. Più preoccupante invece la notizia dei decessi: oggi 3 uomini hanno persona la vita per il Coronavirus. Si tratta di 3 uomini di 66, 74 e 55 anni, tutti con patologie pregresse.

Nel frattempo 13 persone sono uscite dalla sorveglianza domiciliare e sono state attivate 2 postazioni di tampone drive in per indagine di sieroprevalenza a Colleferro.

Intanto all’ospedale di Palestrina si inizia a pensare al piano di riconversione, ma ancora è troppo presto per una data.

“Siamo nella prima settimana della parziale riapertura. Ci attendiamo per la meta’ della prossima settimana una prima verifica rispetto a cio’ che potrebbe essere accaduto.
I dati ci indicano una curva in lenta discesa nel Lazio. Ma sara’ importante leggere i dati per misurare le progressive riaperture che riguardano i servizi sanitari”. Lo ha detto l’assessore regionale alla Sanita’, Alessio D’Amato, intervenendo in audizione in commissione regionale Salute.
“Se verra’ mantenuto un rischio basso di contagio- ha spiegato D’Amato- allora penso che prima della fine del mese potranno essere riattivate una serie di attivita’ di carattere ambulatoriale e diagnostico”.

SEGUI GLI AGGIORNAMENTI SUL CORONAVIRUS METTI MI PIACE

8 Maggio 2020
Dallo sport ai lavoratori fragili: i nuovi contributi di oggi nella Regione Lazio
8 Maggio 2020
Supermercato di San Cesareo decide di chiudere “per sempre” di domenica. “La pandemia è stata anche un insegnamento”

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *