Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Asl Roma 5, cinque casi e un decesso. D’Amato: “Il virus c’è ancora”


I numeri di oggi, aspettando le riaperture di lunedì

“Il virus c’è ancora, bisogna tenere alta l’attenzione”. Così l’assessore alla sanità Alessio D’Amato ha commentato i nuovi dati in arrivo dalle azienda sanitarie locali che dopo i numeri prossimi allo zero degli scorsi giorni, tornano lentamente a risalire. È il caso ad esempio dell’Asl Roma 5 dove oggi i nuovi contagi sono cinque e si registra il decesso di una donna di 84 anni.

 Ora l’attesa è tutta concentrata su lunedì 18 maggio, quando riapriranno tutti i negozi, inclusi parrucchieri e ristoranti.

“Ha prevalso il buon senso e ora serve responsabilita’ nell’applicazione delle linee guida”. Lo sottolinea il presidente di Confcommercio Lazio e Lazio Sud, Giovanni Acampora, in una nota. “Il Consiglio dei ministri ha approvato il decreto legge che prevede la riapertura in tutta Italia di attivita’ economiche e produttive. Le attivita’ economiche e produttive – spiega Acampora – potranno riaprire secondo le linee guida regionali che assicurano il contenimento del contagio, in assenza delle quali valgono le linee guida nazionali. E’ la nuova formulazione del comma 6 dell’articolo 1 del decreto sulla nuova fase che si aprira’ da lunedi’. I presidenti di Regione hanno lavorato a un testo unitario sui protocolli riguardo le riaperture delle attivita’ commerciali che il governo ha poi approvato.