Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer vitae adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget ut, dolor. Aenean massa. Cum sociis pretium qui asem. Nulla consequat massa quis.

Post più letti

Iscriviti alla newsletter
[contact-form-7 404 "Non trovato"]

Barberini: “È ora di lanciare un distretto archeologico porenestino-tiburtino”


Da San Gregorio a Gallicano, un tesoro da tutelare

L’ex assessore alla cultura di Tivoli prosegue la battaglia a tutela dell’Agro Romano lanciando il progetto di un distretto agricolo “sostenibile”Difendiamo i luoghi del Grand Tour

“È il momento – aggiunge – di rilanciare creando un Distretto archeologico rurale dell’Agro romano tiburtino prenestino che favorisca una sinergia tra gli agricoltori, da sempre custodi dell’ambiente e del paesaggio, e i Beni culturali e naturali di cui è ricca quest’area; esiste una legge regionale, è ora di approfittarne. Fiore all’occhiello del nascente Distretto sarebbe il Percorso dei Giganti dell’Acqua che, oltre a Ponte Lupo, coinvolgerebbe anche gli altri tre Giganti che si trovano nel Comune di San Gregorio da Sassola, creando una retedi percorsi agro-archeo-naturalistici che garantirebbero una fruizione turistica di tipo esperenziale, in sinergia con le numerose attività agrituristiche e con i produttori locali. È imperativo salvare quest’ultima porzione intatta di Agro Romano Antico, i luoghi del Grand Tour e questo paesaggio unico, così come lo vide Goethe nel suo celebre viaggio”.

È notizia recente un nuovo ricorso al TAR per chiedere il rinnovo di autorizzazioni per la discarica.”Ci chiediamo – continua Barberini – “alla luce del recente arresto della dirigente regionale, responsabile dell’iter procedurale relativo al rinnovo delle suddette autorizzazioni, se non sia il caso da parte della Regione, di riconsiderare tutto il procedimentoche ha portato all’ultimo atto firmato dalla dirigente indagata, a cui ha fatto seguito quest’ultimo ricorso. Siamo stufi di battaglie di retroguardia, l’adesione da parte di tanti cittadini, associazioni e personaggi del mondo della cultura e dello spettacolo, e il confronto con le realtà locali, ci hanno dato la conferma che i tempi sono maturi per un contrattacco e per realizzare questo progetto ispirato alla Carta di Adriano, un patto per l’ambiente e il territorio, promosso dal direttore dell’Istituto autonomo Villa d’Este – Villa Adriana, Andrea Bruciati, e sottoscritto da molti Sindaci dell’area tiburtino-prenestina, per perseguire un obiettivo partecipato di valorizzazione e promozione dell’intero territorio.

8 Aprile 2021
Lazio, diminuiscono i focolai Covid. Ma rimane alta la pressione sugli ospedali
8 Aprile 2021
Norme Covid, bar incendiato a Colleferro: scatta la solidarietà dei cittadini

Sorry, the comment form is closed at this time.