Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Belcolade Award 2023, Gianluca Fiore di Palestrina sale sul podio dei cioccolatieri d’Italia

a cura della redazione

 

Sono ben due su tre i giovani pasticceri laziali a salire sul podio in occasione della finalissima del “Belcolade Award”, il concorso, interamente dedicato al cioccolato a marchio Belcolade, che punta a valorizzare i professionisti under 30 più talentuosi del settore. Dietro Gianluca Trisolini, titolare della pasticceria Trisolini Dolci Note a Mottola in provincia di Taranto si sono infatti piazzati Gabriel Gianforchetti originario di Grottaferrata e Gianluca Fiore di Palestrina. Un testa a testa molto combattuto, che ha evidenziato l’ottima tecnica e la grande fantasia dei due finalisti provenienti dalla regione Lazio. L’iniziativa, tra le più prestigiose a livello nazionale, è ideata e organizzata da Puratos Italia; azienda con sede a Parma e filiale dell’omonima multinazionale belga, leader nell’offerta di una gamma completa di ingredienti, soluzioni e servizi innovativi per l’industria della panificazione, pasticceria e cioccolato.

 

a Palestrina

Attualmente in forza al Fortini Lab ad Albano Laziale, Gabriel Gianforchetti si è messo in luce anche in finale per la sua forte personalità e capacità di interpretare in modo originale le prove scelte dalla giuria.  A colpire soprattutto la pièce, una vera e propria scultura interamente in cioccolato, alta più di un metro, che in stile steampunk rappresenta un cervo rampante contaminato dagli eccessi messi in atto dall’uomo tanto da trasformarsi progressivamente da animale a macchina invasa da strani ingranaggi.

 

Gianluca Fiore il cui suo sogno è quello di aprire un’attività incentrata sul mondo del cioccolato dal canto suo ha conquistato l’attenzione della giuria grazie alla sua passione e determinazione che nel caso della pièce si sono tradotte in una scultura che proponeva un verdissimo camaleonte a caccia di insetti, che alla base era impreziosito da un fiore dal colore giallo acceso. Per gusto e stile del confezionamento, molto apprezzate anche le praline.

 

a Colle Martino

Quella di Milano è stata l’ultima tappa che si è svolta lo scorso 17 novembre al Food Experience Center Puratos di Milano, recentemente inaugurato, di un percorso impegnativo che ha portato i partecipanti a confrontarsi con alcuni dei pasticceri più famosi a livello nazionale e internazionale, sotto la regia di Davide Malizia, già campione del mondo di pasticceria. Oltre a lui, anche Thierry Bamas, MOF francese, e i maestri italiani Francesco Elmi, Rocco Scutellà, Luca Mannori, Emanuele Valsecchi e Marco De Vivo.  «Siamo estremamente soddisfatti di come si è concluso il Belcolade Award che abbiamo l’onore e l’orgoglio di organizzare con l’obiettivo di promuovere la pasticceria italiana e aiutare i giovani pasticceri a crescere nel loro lavoro e nella loro professionalità – ha commentato Alberto Molinari, General Manager di Puratos Italia -. Quello della pasticceria è un settore in forte crescita e coinvolge sempre più giovani che non si limitano a “fare” un lavoro ma che investono molto in formazione, hanno una grande passione e una grande creatività».

 

Tra i partecipanti sono emersi professionisti che hanno dimostrato di riuscire a ottenere risultati straordinari nonostante la giovane età, risultati riconosciuti anche dagli esponenti della giuria di livello internazionale.  «I finalisti hanno saputo presentare dei progetti innovativi, con un’attenzione particolare al rispetto dell’ambiente e al riuso nella scelta delle confezioni e della presentazione – ha aggiunto Nicola Visceglia, Technical Advisor Patisserie di Puratos Italia che per l’intera selezione ha affiancato i partecipanti mostrando l’attenzione e la passione di un fratello maggiore -. Lavorare accanto a loro in questi mesi mi ha permesso di vederli crescere e di vedere quanta passione e quanta professionalità riescono a dimostrare quando si mettono alla prova con un ingrediente straordinario come il cioccolato, che viene sempre più utilizzato da chef e pasticceri».

  

IL PODIO

 

1° classificato – Gianluca Trisolini

27 anni, titolare della pasticceria Trisolini Dolci Note a Mottola in provincia di Taranto.

Ama definirsi “figlio d’arte” perché il padre è orafo e per le sue due passioni: la pasticceria e la musica. È diplomato al conservatorio in violino. Si è addentrato nel mondo del cioccolato circa due anni fa, dopo aver partecipato a diversi corsi di pasticceria e cioccolateria. Per il futuro sogna di affermarsi nel mondo dell’imprenditoria italiana.

 

2° classificato – Gabriel Gianforchetti

28 anni, originario di Grottaferrata, oggi lavora al Fortini Lab ad Albano Laziale in provincia di Roma.

Da giovanissimo si è iscritto all’istituto artistico, scuola di bigiotteria, per poi trasferirsi alla scuola alberghiera dove ha studiato prima in cucina e successivamente in pasticceria. Ha proseguito la formazione in Francia. Negli ultimi sei anni si è formato in un istituto di pasticceria a Lione e ha iniziato le prime esperienze lavorative in hotel, ristoranti e laboratori di pasticceria. Per il futuro vorrebbe perfezionarsi nelle sculture artistiche, di zucchero e di cioccolato.

 

3° classificato – Gianluca Fiore

26 anni di Palestrina in provincia di Roma.

Ha scelto di fare il pasticciere fin da piccolo, imitando la nonna e la mamma nella preparazione dei dolci in casa. Il suo sogno è quello di aprire un’attività incentrata sul mondo del cioccolato. Ha scelto di partecipare al concorso per la sua innata voglia di mettersi in gioco, di sperimentare e di accrescere le proprie abilità personali. 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: