Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer vitae adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget ut, dolor. Aenean massa. Cum sociis pretium qui asem. Nulla consequat massa quis.

Post più letti

Iscriviti alla newsletter
[contact-form-7 404 "Non trovato"]

Bellegra, il grido di aiuto del sindaco: “Siamo senza armi, il Governo ci aiuti”


Numero verde irraggiungibile, a rilento gli interventi dell’Asl

Nessun territorio è ormai dispensato dall’emergenza Coronavirus. Oggi anche a Palestrina è stato scoperto un caso “indiretto” e ora dopo ora emergono richieste di isolamento e casi sospetti. E poi c’è la questione delle responsabilità individuali: ogni territorio deve dare la sua parte.

Fino a pochi giorni fa sembrava impensabile, ma oggi anche in piccoli centri come a Bellegra l’emergenza Coronavirus è diventata una questione ha24 per operatori e amministratori del territorio. Oggi nella Città dei Panorami è arrivato il provvedimento di autoisolamento per tre nuclei famigliari (LEGGI QUI). Ma in queste ore sono diverse anche le richieste di interventi. In un post diramato su Facebook il sindaco Flavio Cera ha chiesto aiuto, perchè sono troppe a suo dire anche i disservizi nella macchina organizzativa.

A tutela di tutti i miei cittadini e di chiunque in questo momento si trova a combattere la “guerra” contro il Coronavirus, ritengo doveroso denunciare pubblicamente i disservizi del sistema che dovrebbe essere attivo in questo momento. Il numero verde messo a disposizione dalla Regione Lazio risulta sempre staccato pertanto non vi è possibilità di parlare con gli operatori che dovrebbero garantire il recepimento delle istanze e delle richieste. È complicato, ai limiti dell’impossibilità effettuare attraverso la Asl le misurazioni della temperatura corporea alle persone obbligate a sottoporsi a questi controlli.
Mentre dal governo centrale, dalla Regione e dalle massime istituzioni ci obbligano giustamente a mettere in atto i comportamenti necessari a contenere la diffusione del virus, sul territorio noi Sindaci ci troviamo ad affrontare senza armi e con provvedimenti che giungono poco chiari questa battaglia che ci coinvolge tutti. Trovo tutto questo vergognoso e sintomo di una Nazione mal gestita e disorganizzata. Continueremo come stiamo facendo a garantire la presenza e l’assistenza su ogni fronte, sicuramente medici, infermieri e quanti sono in prima linea vanno applauditi e supportati, ciò che è scandaloso e irrispettoso nei confronti di tutti gli Italiani è la gestione della situazione riscontrata effettivamente sul campo.

9 Marzo 2020
Coronavirus, premier Conte: “Iorestoacasa, misure delle zone rosse estese a tutto il Paese. Sospesa la Serie A”
9 Marzo 2020
Italia in lockdown, cosa significa divieto di spostamento

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *