Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer vitae adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget ut, dolor. Aenean massa. Cum sociis pretium qui asem. Nulla consequat massa quis.

Post più letti

Iscriviti alla newsletter
[contact-form-7 404 "Non trovato"]

Bracconaggio, raffica di denunce e multe anche ai Monti Prenestini


29 fucili da caccia e 18 richiami elettronici sequestrati a cacciatori in corso di attività venatoria; 36 violazioni amministrative per un importo di 6 mila euro complessivi

Raffica di denunce e multe anche ai Monti Prenestini nell’operazione Recall 4 condotta in questi giorni dai carabinieri Forestale. Si è conclusa l’attivita’ di contrasto alla caccia illecita svolta dai militari del Gruppo Carabinieri Forestale di Roma con la collaborazione delle Guardie Venatorie Volontarie della LIPU. Soddisfacenti i risultati: 29 persone denunciate per l’utilizzo di richiami elettromagnetici, abbattimento di specie non consentite, porto abusivo di arma, uso di fucile senza limitatore di colpi e resistenza a pubblico ufficiale; 29 fucili da caccia e 18 richiami elettronici sequestrati a cacciatori in corso di attivita’ venatoria; 36 violazioni amministrative per un importo di 6 mila euro complessivi, contestate per differenti violazioni, nella fattispecie, omesse indicazioni della giornata di caccia, appostamenti ravvicinati, eccesso di animali abbattuti.


L’attivita’ si e’ conclusa il 17 novembre scorso; obiettivo principale il controllo per la prevenzione e repressione dell’utilizzo di richiami elettronici i quali, riproducendo i canti degli uccelli li attirano e ne facilitano l’abbattimento da parte dei cacciatori, danneggiando gli animali per l’interruzione del volo migratorio. I servizi concentrati nella provincia di Roma si sono svolti nelle zone ove si esercita la caccia alle allodole ed ai tordi. Impegnate nell’operazione “re-call” i militari delle Stazioni dei Carabinieri Forestale di Civitavecchia, Tolfa, Manziana, Sant’Oreste, Ciciliano, Palombara Sabina, Palestrina, Guidonia Montecelio, Pomezia, Roma, Ostia, Velletri, Monterotondo, Segni, Rocca di Papa in collaborazione con le guardie venatorie volontarie della L.I.P.U. il cui apporto professionale ed operativo ha dato un contributo sostanziale ad una attivita’ di tutela delle specie animali conseguendo risultati importanti e dimostrando come la collaborazione tra i vari soggetti istituzionali e non, che a vario titolo si occupano di ambiente, consente di contrastare efficacemente la pratica della caccia illecita.

27 Novembre 2019
Tornano la pioggia e il vento forte: nuova allerta della protezione civile
27 Novembre 2019
Anas, al via il monitoraggio di ponti e viadotti

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *