Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Campo Gillaro, stop ai rumori: forse c’è una soluzione

a cura della redazione

 

È una battaglia che ormai va avanti da anni a San Cesareo tra la Paolacci Srl e i residenti di Campo Gillaro. Nulla è servito fino ad ora per tentare di risolvere una situazione diventata insostenibile da un punto di vista sociale. 

Ma ci sarebbe una soluzione immediata al “problema rumori”, che potrebbe porre fine alle controversie tra l’impresa e i residenti di Campo Gillaro. Una proposta di variante urbanistica inoltrata direttamente alla Sindaca Alessandra Sabelli dal “Consorzio Industriale Prusst San Cesareo” in riferimento al comparto “L” del Piano Particolareggiato Campo Gillaro.

 

La documentazione non è mai stata discussa né in commissione consiliare, né in riunioni di maggioranza – dichiara l’ex assessore Gianluca Giovannetti – né sono venuto a conoscenza da qualche mese e non capisco il motivo per cui la Sindaca non abbia dato seguito alla richiesta in questione, sottovalutando gli elaborati arrivati in Comune nel Luglio 2018.  

“Da Assessore mi sono sempre battuto per cercare una soluzione al problema – dice Giovannetti. Ho anche fatto parte della commissione consiliare, in corsa prosciolta per carenza di documentazione che avremmo dovuto trattare sul tavolo di lavoro. Così non avendo tutti gli elementi necessari per procedere, mi dimisi per passare ad un tecnico ambientale la soluzione del problema, a tutt’oggi ancora irrisolto. Dopo vari colloqui ed accertamenti, a Settembre 2022 la Sindaca decise di indire l’assemblea pubblica ‘FACCIAMO CHIAREZZA’ non portando nessuna proposta risolutiva ai cittadini chiamati in causa, e oltretutto non facendo alcuna ‘chiarezza’, se non quella di mettere in ordine la documentazione in possesso del Comune di San Cesareo, per data di arrivo dai vari Enti, tra cui Arpa Lazio, Asl Roma 5, Carabinieri, NOE etc”.

Secondo Giovannetti la variante urbanistica sui lotti in questione, proposta dal ‘Consorzio Industriale Prusst San Cesareo’ analizzata nel dettaglio e da un punto di vista tecnico con le migliorie che sono state effettuate e ad altre che seguiranno, favorirebbe lo spostamento immediato della lavorazione degli inerti direttamente sul lotto adiacente della Ditta Paolacci Srl, dall’attuale quota stradale di Via di Campo Gillaro ad una quota nettamente inferiore alla stessa ed a una distanza maggiore dalle abitazioni, trovando cosi la soluzione al problema lamentato e garantendo una giusta convivenza tra le parti interessate.

Una situazione ideale che riporterebbe serenità alle famiglie del luogo, ai lavoratori ed ai titolari della società in questione; quest’ultima dovrà assicurare lo spostamento a proprie spese neutralizzando rumori e polveri provenienti dalle lavorazioni “status quo ante” degli inerti.

 

Inoltre dichiara Giovannetti

“Resta da capire perché la Sindaca Alessandra Sabelli non abbia tenuto conto della variante proposta. Alla luce di questo ci aspettiamo un’assemblea pubblica per discutere ed esaminare il progetto di variante che il Consorzio Industriale ha presentato alla Sua attenzione, invitando le parti interessate a discuterne in modo partecipato, affinché si inizi a parlare di “SOLUZIONI CONCRETE” per i cittadini e per le imprese che operano sul territorio sancesarese”.