Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Capranica Prenestina celebra la sua storia: sbandieratori, degustazioni e nuovi studi

a cura della redazione

Una domenica alla scoperta della storia di Capranica Prenestina, l’affascinante borgo della provincia di Roma ricco di tesori naturalistici ed artistici.

Una giornata per annunciare l’avvio di una serie di studi scientifici sull’origine del comune prenestino che confluiranno in una pubblicazione voluta dalla rinnovata amministrazione guidata dal sindaco Francesco Colagrossi.

Un momento della conferenza

A presentare l’iniziativa sono stati Roberta Iacono, storica dell’arte e ricercatrice, e Libero Middei, direttore del museo naturalistico di Capranica prenestina,.

Secondo le fonti la prima citazione storica del paese si riscontra in un documento del 1252, atto di divisione dei feudi tra i colonnesi, secondo la quale Capranica Prenestina veniva assegnata ad Oddone Colonna.

Capranica Prenestina rimase feudo dei Colonna per oltre quattro secoli ed i suoi abitanti quindi subirono direttamente le ripercussioni delle storiche contese che opposero la grande casata al potere della Santa Sede.

L’evento e’ stato introdotto dal bellissimo spettacolo degli sbandieratori di Cori che hanno allietato i tanti turisti della domenica venuti a Capranica da Roma e zone limitrofe per un po’ di refrigerio dalla calura estiva.

L’evento si e’ concluso con un gustoso aperitivo nel cuore del centro storico offerto dal Comune.