Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Caso asilo nido, il Comune di Valmontone ferma tutto: “Necessaria tutela per i lavoratori”


Le dichiarazioni del sindaco a margine del Consiglio di ieri

“Questa amministrazione comunale, dal 2013 ad oggi, in ogni cambio appalto o di gestione ha sempre garantito il posto di lavoro a tutti i lavoratori. Nessuno è mai stato mandato a casa anzi, in qualche occasione, siamo riusciti anche ad ottenere qualche posto di lavoro in più. E’ per questo che, nel Consiglio comunale di oggi, sulla vicenda dell’asilo nido e dell’assistenza abbiamo deciso di rinviare il punto per avere garanzie”.
Lo dichiara il sindaco, Alberto Latini, a margine del consiglio comunale con cui ieri, a Valmontone, l’aula era chiamata a deliberare sull’eventuale affidamento dell’Asilo Nido comunale “Il Sogno magico” all’Azienda speciale.


“L’idea – precisa Latini – era quella di abbassare la quota annuale per le famiglie gestendo direttamente il servizio di assistenza e asilo nido, attraverso l’azienda speciale. Si tratta di un servizio delicato, svolto finora al meglio dai lavoratori della Sarc e di Area sociale e Melograno, che è nostra intenzione trasferire nell’azienda speciale”. “In sintesi, vogliamo ottimizzare le risorse, aumentare i servizi alla cittadinanza ed avere un beneficio collettivo, con l’abbassamento delle rette del nido, tutelando comunque i lavoratori. Ovvio che senza quest’ultima garanzia questa Amministrazione, come ha sempre fatto fino ad oggi, ferma tutto. Ecco perché oggi abbiamo deciso di rinviare il punto all’odg, per approfondire tutte le verifiche del caso ed evitare sorprese”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: