Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

title-image

Blog

Caso Willy, gli avvocati: “Pincarelli e Bellegia vanno assolti”

Francesco Belleggia e Mario Pincarelli, i due giovani di Artena imputati nel processo per l’omicidio di Willy Monteiro Duarte, vanno assolti. La richiesta di assoluzione è arrivata dagli avvocati Vito Perugini e Loredana Mazzenga a conclusione di una lunga arringa dinanzi alla Corte d’Assise del tribunale di Frosinone. Sia Belleggia e Pincarelli (il primo agli arresti domiciliari oramai da oltre un anno e mezzo) secondo i legali non sono colpevoli di quanto gli viene contestato (accusati di omicidio volontario insieme ai fratelli Marco e Gabriele Bianchi).

A Segni

Per l’avvocato Mazzenga in particolar modo esisterebbe un accordo “tra gli amici dei fratelli Bianchi atto proprio a limitare le responsabilità di questi aggravando invece la posizione degli altri imputati, Belleggia e Pincarelli. Ritengo inoltre durante la discussione di aver fornito dei contributi proprio perché dimostrare come personaggi ritenuti attendibili dalla Procura abbiano invece fornito una descrizione dei fatti atta solo ad avvalorare quello che hanno detto i fratelli Bianchi in sede di interrogatorio e a diversamente ad appesantire la posizione di Pincarelli, addirittura attribuendogli condotte da lui mai realizzate”.

Identica la linea difensiva dell’avvocato Perugini: “Le due versioni sono inconciliabili: o hanno ragione i testimoni dei Bianchi, oppure hanno ragione i testimoni terzi, cioè persone che non conoscevano né il mio assistito, né gli altri imputati. Quelli che invece parlano del ‘calcio di rigore’ sono due persone, Shabani e Tondinelli. A voi le conclusioni…  I due usano le stesse analogie come ‘il calcio di rigore’ e parlano di rumore del calcio di Belleggia. Tondinelli prima dice di non essere riuscito a vedere chi ha dato il primo calcio a Willy tra Marco e Gabriele, però riesce a vedere i colpi sferrati da Belleggia. Una visibilità intermittente”.

Il processo si concluderà il prossimo 26 maggio con l’arringa degli avvocati difensori dei fratelli Marco e Gabriele Bianchi. Poi la Corte si chiuderà in camera di consiglio. La sentenza potrebbe arrivare nelle ore successive.