Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Castel San Pietro Romano, arriva la banda ultra larga. Come funziona il nuovo servizio


Il sindaco: “Vogliamo che le persone e le famiglie restino a Castello

Il Comune di Castel San Pietro Romano fa parte del progetto Banda Ultra Larga Infratel – Regione Lazio per l’abbattimento del Digital Divide: il progetto BUL è diviso in n-4 fasi Temporali.

L’impianto prevede uno sviluppo infrastrutturale totale da progetto per circa 9,9 km.

Il progetto coprirà capillarmente tutto il territorio comprese le frazioni (Frainili, Casa pallone /Valenza ecc..).
4 le sedi pubbliche servite direttamente: Comune, Palazzo Mocci, Scuola, sede Protezione Civile.

Per le case sparse, laddove non si arriva con la rete si arriverà a posizionare un sistema alternativo.


Open Fiber siamo i concessionari della Rete per i prossimi 20 anni e sarà totalmente rete Pubblica (Concedente Infratel Italia Spa società In house Del mise) ; La realizzazione, eseguita da Open Fiber, vedrà impegnate sul campo imprese leader nel settore TLC, recando il minor impatto alla cittadinanza e viabilità.

Architettura di Rete (Rete G-pon), interamente in Fibra Ottica può garantire fino a 1 Gbps dal POP (Point Of Presence) fino alla casa del cliente.

Un progetto importante- dichiara il Sindaco Gianpaolo Nardi- che permette anche ai piccoli comuni di avere la banda ultra larga. Nei nostri territori le ormai obsolete infrastrutture arrecano troppo disagio ai cittadini e alle attività commerciali. Vogliamo che le persone e le famiglie restino a Castello. Le nostre attività e gli uffici pubblici devono essere all’avanguardia. Cosa da sottolineare è che le utenze verranno servite singolarmente e non con la rete della cabina.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: