Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Cave, il caso della Corte dei Conti e il nuovo bilancio: se discute in Consiglio


Dopo le polemiche sui manifesti arriva il confronto in Consiglio

A Cave un controllo ordinario della Corte dei Conti accende una polemica senza fine sui social e i manifesti murali, dove si arriva addirittura a chiedere le dimissioni dell’Amministrazione in carica guidata dal sindaco Angelo Lupi. La questione riguarda un controllo ordinario eseguito dalla Corte dei Conti, in base alla normativa del 2015 sui rendiconti, poi dichiarata incostituzionale a febbraio 2020 dalla Corte Costituzionale. Insomma nessun buco di bilancio o conti in pericolo, ma solo un normale accertamento che interessa anche altri Comuni.

A tal fine la maggioranza ha convocato un Consiglio comunale in prima convocazione il 3 luglio e in seconda convocazione il 4 luglio per informare tutti i rappresentanti dell’assise cittadina delle  disposizioni della Corte dei Conti e dei successivi passi da compiere per procedere all’adeguamento.

Tra i punti all’ordine del giorno del Consiglio figura anche l’approvazione delle nuove imposte comunali nell’ambito del bilancio di previsione.

SEGUI MONTI PRENESTINI BASTA METTERE MI PIACE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: