Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Cave, parla Roberta Vecchi: “Ecco perchè ho lasciato l’ex maggioranza: ora guardo al futuro della mia città”

In una nota stampa l’ex assessore ai Servizi Sociali del Comune di Cave Roberta Vecchi spiega le ragioni delle sue dimissioni della maggioranza e parla dei progetti futuri per la sua città.

“Più volte nel corso del mandato ho dovuto prendere atto di una sistematica mancanza di condivisione delle scelte e del mancato coinvolgimento nelle decisioni dell’amministrazione, da ultimo la mancata necessaria condivisione del bilancio – scrive Roberta Vecchi. Ho deciso di intraprendere un nuovo percorso per continuare a dare un contributo alla mia città sostenendo la lista civica “Cave Futura”, una lista composta  da persone competenti e capaci e dove il contributo dei giovani sarà fondamentale per il bene del paese

Ho dato continuità a progetti già in essere. Ho voluto promuovere “il giorno del dono”, iniziativa di sensibilizzazione sull’importanza del dono declinato in ogni suo aspetto, con la messa a dimora di piante; visita agli anziani presso le case di cura; incontro presso il centro anziani con l’associazione “la Perla Preziosa”; promozione raccolta fondi  per l’acquisto di prodotti da donare alle Caritas parrocchiali;  Riapertura Cup; Riapertura Asilo nido che attualmente accoglie 60 bambini;

Il telesoccorso, servizio rivolto alle persone che si trovano in condizioni di fragilità e vulnerabilità allo scopo di includere tutti e non emarginare nessuno.

In ultimo l’ottenimento di un finanziamento da parte della Regione per il progetto “LazioAggrega” finalizzato alla creazione di un centro di formazione e di aggregazione giovanile rivolto ai giovani tra i 14 ed i 35 anni.

Non nego che le cose da fare sono ancora molte. Le sfide del futuro si concentreranno su alcuni progetti rimasti in sospeso e che vorrei contribuire a realizzare. Tra questi progetti ci sono gli orti sociali utili a promuovere lo sviluppo sostenibile e l’inclusione ed anche contributi economici a favore delle famiglie che si trovano in lista di attesa (presso la Asl o le strutture convenzionate) per accedere alle terapie logopediche e neuropsicomotorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: