Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Che cos’è un radiatore e perché deve essere pulito regolarmente?

Anche se siete automobilisti alle prime armi e non avete mai avuto un guasto all’auto, è probabile che gli automobilisti più esperti abbiano detto qualcosa del tipo: “Sì, ci sono passato”. Una volta stavo guidando in autostrada e l’auto ha iniziato a bollire”. E difficilmente ne seguirà una storia rosea, perché i problemi al sistema di raffreddamento sono sempre una vera e propria epopea. In questo materiale considereremo solo un componente del sistema: un radiatore. In questo caso, vale la pena sottolineare che si tratta di uno degli elementi più importanti. 

A cosa serve il radiatore in un’auto?

Per cominciare, forse, non appena si gira la chiave di accensione e si mette in funzione il veicolo, tutti i suoi componenti meccanici iniziano a riscaldarsi. In alcuni sistemi la temperatura sale ben oltre i cento gradi. Purtroppo, il motore è proprio la parte del veicolo che non sopporta bene le alte temperature. Per questo motivo viene installato un sistema di raffreddamento per evitare che le parti del motore in costante movimento si guastino a causa delle alte temperature. Il radiatore in questo caso è una sorta di scambiatore di calore, che si trova all’interno del liquido di raffreddamento o del solvente. Da questa parte metallica fuoriescono tubi speciali (tubi di derivazione) che sono collegati alla gola del motore designata all’altra estremità della parte metallica. Quando si avvia l’auto, il motore aziona la girante della pompa dell’acqua. In questo modo il refrigerante circola in un piccolo cerchio nel sistema. Quando la temperatura del refrigerante raggiunge gli 80-90 gradi Celsius, il termostato si attiva e il grande vortice si apre per la circolazione. Questo è necessario affinché il motore del veicolo si riscaldi rapidamente.  Il radiatore, in questo caso, è un dispositivo che dissipa il calore dal liquido di raffreddamento, che si trova nel sistema di raffreddamento dell’auto. In caso contrario, sarebbe impossibile eseguire questo processo. Il radiatore è montato nella parte anteriore del cofano, dove è esposto a una maggiore quantità di aria durante la guida. Per questo motivo è in grado di rilasciare calore inutile nell’atmosfera.

Con quale frequenza deve essere pulito il radiatore?   

Iniziamo col dire che sì, è necessario pulirlo. In ogni auto ci sono molti componenti e sistemi che richiedono una manutenzione tempestiva e il radiatore non fa eccezione. Il fatto è che questa parte, tra l’altro, è un filtro che trattiene ogni tipo di sporcizia (ad esempio polvere, pezzi di piccole pietre, sabbia e spruzzi speciali sulle strade nella stagione fredda). In questo modo, durante il riscaldamento tutti questi inquinanti si trasformano in uno strato solido che intasa il radiatore e porta al surriscaldamento del motore, poiché quest’ultimo non è in grado di ricevere la quantità d’aria necessaria.

Si sporca anche all’interno (ruggine, prodotti di combustione e ossidazione). Per questo motivo è necessario monitorare le condizioni del pezzo. I meccanici raccomandano di pulire il radiatore in primavera. Poiché il clima della stagione fredda implica l’utilizzo dell’auto in condizioni di sporco e fango permanente, il radiatore si sporca. È particolarmente pericoloso guidare con un radiatore sporco a partire dall’inverno, quando fa caldo. Il carico sul sistema di raffreddamento del motore diventa più elevato, la ventola del raffreddamento forzato inizia ad accendersi più spesso e lavora in modo usurante. Ecco perché è necessario prendersi cura del radiatore in tempo utile per evitare le famigerate “bolle”.