Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer vitae adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget ut, dolor. Aenean massa. Cum sociis pretium qui asem. Nulla consequat massa quis.

Post più letti

Iscriviti alla newsletter
[contact-form-7 404 "Not Found"]

Chiomè, come nasce il primo bianco di Cesanese. Il racconto della sfida vinta da Andrea Tranquilli


È il primo blanc de noir del territorio, una vera avanguardia che piace ora a tutti

Una vendemmia buona si definisce solo in rapporto alla sua zona e lavorazione. Non esiste mai un’annata perfetta e questo è tanto più vero in una terra come quella del Cesanese di Olevano Romano, dove le varietà climatiche e le esperienze cambiano da collina a collina. Basta salire o scendere di più a valle per scoprire profumi, colori, tecniche e straordinarie novità che fanno scuola nel campo enologico.

Tra le sorprese di questa vendemmia 2019 troviamo quella dell’azienda agricola di Andrea Tranquilli, titolare del noto agriturismo Le Cerquette di Olevano Romano (LEGGI QUI), dove quest’anno c’è un nuovo arrivato.

Si chiama Chiomè e come le altre etichette della casa è un nome in dialetto olevanese che vuol dire “figlio mio”. Chiomè è “figlio” di un’intuizione di Andrea Tranquilli, che non soddisfatto del rendimento di un terreno dove viene coltivato il Cesanese di Affile, ha deciso di lanciare un esperimento mai tentato prima: produrre il bianco da uve Cesanese. I francesi lo chiamano Blanc de noir e fa riferimento a quella tecnica che consente l’estrazione del vino bianco da uve nere. No chimica, no lieviti, no solfiti: per questo vino si utilizzano solo tecniche biologiche certificate dall’organismo di controllo europeo.

Come nasce Chiomè

L’uva, raccolta manualmente, viene selezionata, torchiata e successivamente pressata delicatamente a temperatura bassa e controllata, per preservarne l’aromaticità.  Il mosto che si ottiene a partire dalle uve Cesanese di Affile viene immediatamente estromesso dalle bucce, poco dopo l’operazione di pressatura: questa operazione ha lo scopo principale di non permettere che il vino assuma, nel corso del tempo, una colorazione rossastra.

È un procedimento molto complesso e laborioso che richiede molto dispendio di energie e dove la resa delle uve viene quasi dimezzata per via della sua “spremitura dolce”. È un lavoro puramente artigianale dove basta davvero una piccola disattenzione per rovinare tutto. La sfida alla fine è stata vinta con sorpresa di molti enologi ed esperti del territorio.

“All’inizio avevamo tanti dubbi e perplessità. In tanti ci hanno sconsigliato questa avventura, poi però ad esperimento riuscito sono arrivati gli apprezzamenti e le vendite. Oggi Chiomè rappresenta un’avanguardia nella terra del Cesanese di Olevano Romano, ma credo fermamente che possa diventare un’interessante varietà da proporre sul mercato. Abbiamo tradotto nei fatti il vecchio detto che il vino buono si fa in vigna, facendo di necessità virtù, non arrendendoci alle difficoltà che si incontrano nel nostro mestiere. Per questo motivo la soddisfazione è doppia e oggi questa etichetta è un motivo di orgoglio per l’intera famiglia”.

Andrea Tranquilli

Nel calice si presenta dal colore cerasuolo scarico, caratterizzato da un perlage fine. Al naso spiccano le note floreali e fruttate tipiche del Cesanese, un vino fresco e di buona beva da accompagnare anche a piatti ben strutturati.

INFO
Phone:

+39 06 956 2057

Email:

info@lecerquette.it

14 Novembre 2019
Fine settimana a teatro: torna a San Cesareo Robin Hood il musical
14 Novembre 2019
Così nasce la Scuola del Giglietto

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *