Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Colleferro (calcio, Eccellenza), Renelli: “Condizionati dalle assenze, ora testa al Roccasecca”

Colleferro (Rm) – Il Colleferro impatta per 1-1 sul campo del Città di Formia. Un pareggio che lascia qualche rimpianto ai rossoneri, considerando anche i pari delle prime due della classe (Unipomezia e Terracina). “Il rammarico c’è senza dubbio, ma in questo campionato tutti possono perdere punti con tutti – dice il difensore classe 1991 Edoardo Renelli, ritratto nella foto di Leonardo Pera – Nel primo tempo siamo andati in svantaggio sugli sviluppi di una punizione molto dubbia, ma non siamo stati brillanti. All’intervallo ci siamo guardati in faccia e ci siamo detti di dover reagire a tutti i costi e infatti nel secondo tempo siamo entrati con un altro spirito. Abbiamo pareggiato con Schiavella nella prima parte della ripresa e poi abbiamo provato anche a vincere, ma non ci siamo riusciti. Alla fine è comunque un punto prezioso su un campo difficile, senza calcolare che da tempo giochiamo senza alcuni elementi molto importanti”. Renelli è sempre convinto delle qualità del Colleferro: “Non dobbiamo pensare agli altri, ma la corsa è sempre su noi stessi come si dice in questi casi. Speriamo di riuscire a recuperare gli assenti, al completo possiamo stare nei primi due posti di questo campionato”. Il difensore parla anche del neo tecnico Pietro Bosco: “Non ha avuto un compito semplice. Quando c’è un cambio di allenatore, le colpe sono di tutti e noi giocatori siamo i primi ad essere dispiaciuti. Il nuovo mister ci ha provato a trasmettere tranquillità e voglia di vincere, senza fare rivoluzioni: l’impatto col gruppo è stato positivo”. Renelli chiede anche alla tifoseria di continuare a sostenere la squadra: “Sappiamo bene che i tifosi vogliono sempre vincere, questa è una piazza che merita il massimo e alla gente chiediamo di stare al nostro fianco. Noi possiamo promettere il massimo impegno”. Nel prossimo turno c’è il match casalingo col Roccasecca: “Conosco bene il loro tecnico Grossi che mi ha allenato all’Unipomezia ed è molto preparato. Come detto, ci sono insidie in ogni partita e noi dovremo scendere in campo con la massima concentrazione per riuscire a fare bottino pieno”.