Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Colleferro, picchiata per cinque anni in casa: così una donna ha trovato il coraggio di denunciare il compagno

a cura della redazione

 

I Carabinieri della Stazione di Colleferro hanno dato esecuzione ad una ordinanza che dispone la misura cautelare dell’allontanamento dalla casa familiare e del divieto di avvicinamento alle persone offese, emessa dal Tribunale di Velletri su richiesta della locale Procura della Repubblica, a carico di un uomo, di origini albanesi, fortemente indiziato del reato di maltrattamenti in famiglia.

 

a Valmontone

Il primo fatto risale a metà ottobre scorso a seguito dell’intervento effettuato dai Carabinieri della Compagnia di Colleferro su segnalazione di una vicina di casa della vittima che aveva segnalato al numero di emergenza 112 una violenta aggressione subita da una donna ad opera del compagno convivente, entrambi domiciliati a Colleferro. Le indagini effettuate dai Carabinieri hanno permesso di attivare il cd. Codice Rosso e di permettere alla donna, di trovare il coraggio di denunciare le aggressioni subite in casa da circa 5 anni. La donna ha denunciato di condotte di maltrattanti ed umiliazioni da parte del compagno convivente che spesso la aggrediva anche fisicamente procurandole lesioni per le quali però non ha mai richiesto l’intervento delle forze dell’ordine senza  nemmeno recarsi presso strutture mediche.

Considerata la gravità e la concordanza degli elementi di prova raccolti dai Carabinieri nel corso delle indagini, è scattato nei confronti dell’uomo l’allontanamento dalla casa familiare e il divieto di avvicinamento alla persona offesa, rispettando la distanza di 300 metri, oltre al divieto di comunicazione attraverso qualsiasi mezzo con la vittima.

chiama ora

Anche in questo caso si è avuta la conferma della tempestiva risposta dei Carabinieri, frutto di una specifica preparazione professionale nell’affrontare i casi di violenza di genere, per i quali è altissima l’attenzione e la sensibilità della Procura della Repubblica di Velletri. In tale contesto resta di fondamentale importanza la denuncia da parte delle vittime che subiscono tali reati o delle persone che sono più vicine a queste ultime, così da consentire all’Autorità Giudiziaria di intervenire rapidamente a loro tutela.

Il presente comunicato è stato redatto nel rispetto dei diritti dell’indagato, da ritenersi presunto innocente in considerazione dell’attuale fase del procedimento fino ad un definitivo accertamento di colpevolezza con sentenza irrevocabile.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: