Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer vitae adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget ut, dolor. Aenean massa. Cum sociis pretium qui asem. Nulla consequat massa quis.

Post più letti

Iscriviti alla newsletter
[contact-form-7 404 "Not Found"]

Cornetti gratis ai più bisognosi. L’iniziativa è del Blues bar di San Cesareo


Ogni sera dopo le 18:30, quando il locale di via Filippo Corridoni si appresta alla chiusura, chi vuole può entrare all’interno del bar e chiedere direttamente alla titolare

I Monti Prenestini sono un territorio accogliente e solidale, fatto di gente sempre pronta a aggiungere un posto a tavola, ad affermare con gioia che “do se magna in 4 se magna pure in 5”, a creare reti solidali per donare cibo e altro a chi è più in difficoltà. Simona Liani, titolare del Blues Bar di San Cesareo è una di queste:

“Purtroppo la pandemia Coronavirus, oltre all’emergenza sanitaria ha portato con se una vera e propria crisi economica lasciando intere famiglie con il portafogli vuoto – spiega Simona, mentre ci prepara un caffè a portar via nel suo locale di via Filippo Corridoni -. Abbiamo riaperto la nostra attività da qualche giorno, come stabilito da ordinanza regionale,  ma il numero dei clienti si è più che dimezzato. In molti hanno perso il lavoro e i soldi per la colazione o per l’aperitivo della sera non ci sono più. Ogni sera butto nel bidone dell’umido decine di cornetti rimasti invenduti, da qui è nata l’idea di regalarli a chi non può comprarli. Un dolce regalo per i più bisognosi. Un gesto che viene dal cuore e che vuole cancellare questo maledetto momento”.

Così ogni sera dopo le 18:30 quando il bar si appresta alla chiusura al pubblico, chi vuole può entrare all’interno del bar e chiedere direttamente a Simona che assicura: “la cosa rimarrà strettamente riservata tra me e la persona che riceverà i cornetti”. Davvero un bel gesto, di grande sensibilità. Complimenti Simona!

21 Maggio 2020
Coronavirus, nel Lazio oggi 21 casi e 15 decessi
21 Maggio 2020
Rocca di Cave in lutto per la scomparsa della piccola Matilde

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *