Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Da Cave “un seme per il futuro” del territorio. Lupi: “Ora avanti con nuove sfide”

a cura della redazione

 

Da Cave “un seme per il futuro” del territorio. Si e’ aperta oggi la tre giorni di eventi organizzata dal Gruppo di Azione Locale dei Monti Prenestini e Valle Del Giovenzano, una vera e propria vetrina per l’intero comprensorio in cui sono stati presentati i risultati finali dei progetti e delle ricerche attuate nella programmazione 2014/2022.

 

 

 

L’evento è stato presentato dal presidente del Gal Terre di Pre.Gio Angelo Lupi che ha tracciato un bilancio sintetico dello straordinario lavoro fatto.

 

“Sono stati anni di impegno e lavoro che ci hanno visto in prima fila con aziende, associazioni e staff tecnico che ringrazio per la sua opera – ha spiegato Lupi. Non abbiamo lesinato energie dal 2016 a oggi, passando per il covid, cambi di normative e non poche difficoltà. Alla fine – ha aggiunto Lupi – possiamo dire di avercela fatta. Abbiamo investito oltre 5 milioni di euro in progetti e interventi che hanno ridato vita a luoghi, strutture e attività. Ora ci attendono nuove sfide, per un nuovo Gal allargato che sono sicuro ci darà importanti soddisfazioni”.

A portare il proprio saluto alla manifestazione il ministro della Sovranità alimentare Francesco Lollobrigida che ha sottolineato il “lavoro del sindaco di Cave e presidente del Gal Angelo Lupi per la promozione del territorio e il sostegno alla qualità della produzione locale, dal vino all’olio fino ai prodotti tipici”.

Parole di apprezzamento ed elogio anche dall’onorevole Flavio Cera e dall’assessore al Bilancio, Programmazione economica, Agricoltura e  Sovranità Alimentare Giancarlo Righini che ha annunciato “il sostegno totale da parte della Regione Lazio a tutti i progetti del Gal con un finanziamento di oltre 76 milioni di euro nelle aree interne”.

Sul palco dei relatori del teatro di Cave sono intervenuti anche Massimiliano Raffa, Commissario Straordinario di ARSIAL e Mario Tucci, vicePresidente della BCC Bellegra.

A Tiziano Cinti, direttore tecnico del Gal, il compito di fare un focus sui “Traguardi della Strategia Locale e illustrare i progetti di ricerca applicata promossi dal GAL “Terre di Pre.Gio.” per la valorizzazione di alcuni prodotti tipici locali come il Cacio di Genazzano e della Mosciarella delle Casette di Capranica Prenestina.

A chiudere questa prima giornata un momento di degustazione a cura della Condotta Slow Food “Ciociaria e Territori del  Cesanese APS”, che ha proposto assaggi dei prodotti agricoli delle “Terre di PreGio”.

La giornata di Venerdì 22 Marzo sarà dedicata all’esplorazione di   due itinerari alla scoperta del territorio e delle sue economie, con visite presso aziende locali del settore agricolo, vinicolo e rurale di San Vito Romano, Olevano Romano, Genazzano e Capranica Prenestina.

Saranno discussi e sperimentati i progetti e le nuove proposte presentate da agricoltori, aziende agricole ed agrituristiche e i tavoli di lavoro avranno come output la scrittura di un documento conclusivo che tenga conto degli stimoli e dei risultati del dibattito della giornata; tale documento potrà, inoltre, essere utile ispirazione per future applicazioni di politiche di Sviluppo. I cittadini e tutti gli interessati potranno partecipare ai laboratori e agli itinerari e anche alla cena finale fissata all’agriturismo “L’Oca Bianca” di Cave (quest’ultima a pagamento), dove il menù sarà incentrato sulla valorizzazione dei prodotti tipici dell’agricoltura locale, attraverso un modulo di partecipazione e prenotazione obbligatorio che si rinviene anche sul sito www.galterredipregio.it.  

Sabato 23 Marzo un nuovo convegno, a conclusione dei lavori, si terrà al  Teatro Comunale “Caesar” di San Vito Romano. 

Dopo l’apertura di Maurizio Pasquali, sindaco di San Vito Romano, interverrà Flavio Cera, Presidente I Commissione della Regione Lazio.

Angelo Lupi e Fulvio Proietti, presidente e vicepresidente GAL “Anius Pregius”, condurranno i lavori verso la nuova programmazione 2024/2027.

Al convegno parteciperanno esponenti di UNCEM Unione Nazionale Comunità  e Enti Montani, Legambiente, Università di Roma Tor Vergata ed altre autorità del territorio.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: