Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Da Poli al gol in Europa League con la Roma: il sogno di Nicola


La storia di un ragazzo diventato calciatore. Ieri il suo primo gol con i giallorossi

Si chiama Nicola Zalewsky, è di origini polacche ma vive a Poli e da ieri sera è entrato nel cuore di tutti i tifosi giallorossi per il gol che ha regalato la vittoria alla Roma sul Manchester.

“Ero contento al mio ingresso in campo. Siamo orgogliosi del risultato. Purtroppo la partita dell’andata ha condizionato il risultato del ritorno anche per effetto degli infortuni. Portiamo a casa comunque una vittoria”, ha dichiarato il talentino dopo il match.

Zalewski infatti si è messo in mostra nella prestigiosa affermazione contro gli inglesi segnando la rete del 3-2 e quindi del successo (anche grazie ad una fortunata deviazione che infatti ha portato l’Uefa a non assegnargli il gol) e toccando palloni interessanti.
Di certo non dimenticherà mai questa serata.

Il centrocampista, classe 2002, originario di Poli, un contratto fino al 2022, che la Roma vorrebbe prolungare e adeguare, ha giocato in quasi tutti i ruoli dalla metà campo in su, da mezzala a esterno d’attacco: quest’anno che De Rossi ha varato il 3-4-2-1 utilizzandolo come uno dei due fantasisti (generalmente a sinistra, per calciare in porta col destro) alle spalle del senegalese Tall. E Nicola lo ha ripagato diventando il capocannoniere della squadra, che è prima a punteggio pieno: ha segnato in tutte e 4 le partite, arrivando a quota 5 grazie alla doppietta con la Fiorentina, nella gara giocata all’Artemio Franchi.Stasera la prima all’Olimpico, con il sogno, magari a risultato acquisito, di riuscire a fare anche un ampio spezzone di gara.

A lui va il fortissimo “in bocca al lupo” della comunità polese e le congratulazioni orgogliose del Sindaco Federico Mariani.

“Ti abbiamo visto crescere umanamente e calcisticamente – ha scritto a Nicola il primo cittadino – vederti affermare sportivamente ci riempie di orgoglio. Siamo fieri di averti nella nostra comunità. Nicola, Poli ti abbraccia!”.