Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Dal 3 giugno sì a spostamenti tra regioni: ecco le novità


Cosa cambia da lunedì e da giugno

Da lunedi’ via libera agli spostamenti su tutto il territorio della regione di residenza, dal 3 giugno (il mercoledi’ che segue la Festa della Repubblica) sara’ invece possibile passare in un’altra regione, “salvo che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute” e per fare rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza. La bozza del nuovo decreto sulla fase 2 prevede che le nuove norme restino in vigore fino al 31 luglio e ribadisce “il divieto assoluto di mobilita’ dalla propria abitazione o dimora” per chi e’ positivo al virus. “A decorrere dal 3 giugno – viene inoltre specificato – gli spostamenti sul territorio nazionale possono essere limitati in relazione a specifiche aree del territorio nazionale, secondo principi di adeguatezza e proporzionalita’ al rischio epidemiologico effettivamente presente” in quelle aree.

Tra le norme previste, anche quella che autorizza i sindaci a chiudere temporaneamente le aree pubbliche o aperte al pubblico “in cui sia impossibile garantire adeguatamente il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di un metro”, e quella che consente la ripresa delle attivita’ economiche e produttive “a condizione che rispettino i contenuti di protocolli o linee guida, idonei a prevenire o ridurre il rischio di contagio nel settore di esercizio o in ambiti analoghi, adottati a livello nazionale”.
Le Regioni, al riguardo, potranno “adottare propri protocolli nel rispetto dei principi contenuti nei protocolli o nelle linee guida nazionali”.


Alle Regioni spetta anche il monitoraggio dell’andamento dell’epidemia e l’invio quotidiano dei dati al ministero della Salute, all’Istituto superiore di sanita’ e al Comitato tecnico scientifico. Sulla scorta di queste informazioni i governatori potranno “introdurre, anche nell’ambito delle attivita’ economiche e produttive svolte nel territorio regionale, misure derogatorie, ampliative o restrittive”.
Stando alla bozza, infine, la seconda parte del decreto e’ dedicata alle sanzioni e ai controlli, che spettano questi ultimi ai Prefetti. Chi non rispettera’ le norme rischia una sanzione amministrativa da 400 a 3000 euro e anche la chiusura dell’esercizio o dell’attivita’ da 5 a 30 giorni.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: