Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Dalla primavera alla neve:; da domani allerta della protezione civile


Per domani venti da forti a burrasca nord-occidentali sui rilievi,in estensione dal pomeriggio sera ai restanti settori della regione

 Il Centro Funzionale Regionale rende noto che il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un Avviso di condizioni meteorologiche avverse con indicazione che dal mattino di domani, martedi 4 Febbraio 2020,e per le successive 24-36 ore, si prevedono sul Lazio: venti da forti a burrasca nord-occidentali sui rilievi,in estensione dal pomeriggio sera ai restanti settori della regione ed in successiva rotazione da nord,con raffiche di burrasca forte specie sui settori costieri e sui rilievi. Si prevedono inoltre forti mareggiate su tutte le coste esposte.

COME CAMBIA IL TEMPO

Stiamo per vivere una settimana da due facce opposte. Se nelle prossime 36 ore il clima sara’ decisamente primaverile su gran parte delle regioni, successivamente l’ingresso di venti piu’ freddi dal Polo Nord cambiera’ totalmente le carte in tavola. Il team del sito www.ilmeteo.it comunica che oggi la presenza dell’anticiclone africano al Centro-Sud e di venti di Fohen al Nord-Ovest (vento caldo di caduta dalle Alpi) fara’ schizzare le temperature massime oltre i 20 C, fino a 25 C sulle zone interne della Sicilia, 20-21 C in Puglia, Campania, Sardegna, fino a 18 C nel Lazio e in Toscana (come a Roma e Firenze). Qualche grado in meno invece dove ci sara’ la presenza della nebbia, ovvero in Emilia, in Veneto e parte della Lombardia. Il bel tempo e il clima mite continueranno anche nella giornata di domani, almeno fino al primo pomeriggio, poi comincera’ l’irruzione polare.
Nel corso del pomeriggio, infatti, venti via via piu’ forti di Maestrale e poi di Tramontana faranno peggiorare il tempo su Marche, Abruzzo, Molise e in serata anche al Sud. Piogge, temporali, locali grandinate e nevicate si abbatteranno su queste regioni. La neve iniziera’ a cadere dai 1500 metri, ma entro sera raggiungera’ le colline fino a 600 metri.
L’irruzione polare fara’ peggiorare il tempo anche sul Friuli Venezia Giulia con molte nubi e qualche pioggia. Sul resto delle regioni il sole sara’ prevalente. Mercoledi’ venti forti di Tramontana colpiranno gran parte delle coste italiane, il maltempo raggiungera’ Abruzzo, Molise, Puglia, Irpinia, alcuni tratti della Basilicata e i settori Nordorientali della Sicilia. La neve sotto forma di bufere cadra’ sopra i 4-600 metri. 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: