Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer vitae adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget ut, dolor. Aenean massa. Cum sociis pretium qui asem. Nulla consequat massa quis.

Post più letti

Iscriviti alla newsletter
[contact-form-7 404 "Non trovato"]

Dall’antipolvere alle FFP2: maxi sequestro di mascherine da parte dei Nas


14.800 confezioni di prodotti vantanti qualita’ antimicrobiche e disinfettanti non possedute

Circa 23mila articoli tra mascherine e prodotti igienizzanti irregolari sono stati sequestrati dai carabinieri del Nas in diverse operazioni effettuate in tutta Italia nell’ambito dell’emergenza sanitaria connessa alla diffusione epidemica di Covid-19. Gli interventi, eseguiti anche mediante verifiche incrociate su flussi commerciali import/export, hanno consentito di intercettare dispositivi e presidi medici privi di requisiti o importati su canali non ufficiali. Individuate e sequestrate 8.100 mascherine di varie categorie, dalle semplici antipolvere, a quelle chirurgiche fino ai dispositivi di protezione individuale (come FFP2), risultate irregolari, prive delle caratteristiche dichiarate da produttori e venditori e oggetto di importazione con modalita’ non consentite.

Altro segmento commerciale caratterizzato dalla presenza di prodotti privi dei requisiti obbligatori e’ quello relativo agli igienizzanti: sempre negli ultimi giorni sono state bloccate 14.800 confezioni di prodotti vantanti qualita’ antimicrobiche e disinfettanti non possedute e peraltro in assenza di qualsiasi registrazione come biocidi o presidi medico-chirurgici.

Nel corso delle operazioni, sono stati deferiti all’Autorita’ giudiziaria 6 titolari di esercizi produttivi e commerciali e altri 16 sono stati sanzionati amministrativamente per complessivi 25 mila euro.
Tra gli interventi, a Perugia il Nas ha deferito un imprenditore ritenuto responsabile di frode in commercio per aver prodotto e messo in vendita mascherine facciali dichiarate come Dispositivi di protezione individuale, ma risultate prive dei requisiti necessari. L’azienda in realta’ operava la produzione in deroga e il commercio di semplici mascherine protettive, senza poterne documentare l’idoneita’ alle funzioni di elevata protezione dagli agenti infettivi.

8 Aprile 2020
Genazzano, un nuovo caso positivo: l’emergenza Coronavirus continua
9 Aprile 2020
Negozi chiusi a Pasqua e Pasquetta: ora decide la Regione Lazio

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *