Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer vitae adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget ut, dolor. Aenean massa. Cum sociis pretium qui asem. Nulla consequat massa quis.

Post più letti

Iscriviti alla newsletter
[contact-form-7 404 "Not Found"]

De Magistris a Genazzano: il caso Napoli e la riscossa di una città


Allo scadere del secondo mandato, molti problemi sono stati risolti, altri rimangono ma i napoletani non si vergognano più della loro città

Sabato 29 febbraio, ore 17, presso la Sala degli Armigeri del Castello Colonna di Genazzano (RM), incontro con l’autore del libro e Sindaco di Napoli  Luigi de Magistris “La città ribelle – Il caso Napoli”,  edito nel 2017 ma ancora attuale, per ascoltare dalla sua stessa voce cosa è successo nel frattempo e quali capitoli potrebbero essere scritti riguardo al cambiamento della città, all’esperienza istituzionale del suo Sindaco, all’orgoglio dei napoletani per questa riscossa che è sotto gli occhi di tutti.

La caratteristica della nostra città –  dichiarava al termine del suo primo mandato il Sindaco  Luigi de Magistris –  è quella di essere originale, autentica ed anche anomala. Questa però, è anche una città che ha anticipato i corsi della storia e credo che quello che sta accadendo qui si possa riprodurre in altre parti del paese o anche europee. Napoli in definitiva si è  ribellata. Ma soprattutto questa città si è ricostruita da sola e grazie ad una grande partecipazione popolare”.

Una Napoli invasa dai rifiuti, ostaggio della camorra, sull’orlo della bancarotta. Questa era l’immagine della terza città d’Italia dopo decenni di mala-politica. Ora, allo scadere del secondo mandato, molti problemi sono stati risolti, altri rimangono ma i napoletani non si vergognano più della loro città. È cambiato qualcosa che va al di là delle cronache cittadine e che vale la pena raccontare: la voglia di partecipazione popolare, un modo di fare politica che ha fatto sentire i cittadini vicini alle istituzioni in controtendenza con quanto accade a Roma e in molte altre città, una Napoli simbolo dei “porti aperti”, una città che è tornata ad essere fermento culturale ed artistico. Questo soprattutto il racconto al centro del libro e dell’azione politico-amministrativa di de Magistris: un modello di amministrazione della cosa pubblica che sta facendo scuola, attenzionato anche all’estero, che ha saputo trarre la sua forza dai diritti e dai principi della Carta Costituzionale, creando giurisprudenza degli enti locali e soprattutto non avendo paura di sfidare i “poteri  forti” di qualsiasi natura.

Un’iniziativa, letteraria e non solo, per discutere e riflettere, con Sindaci, Associazioni e cittadini su un’esperienza amministrativa, politica ed umana che è diventata un caso nazionale, “Il Caso Napoli”.

L’evento è organizzato dall’Associazione Culturale Scientia – per la Promozione della Cultura e lo Sviluppo della Persona, con il patrocinio del Comune di Genazzano, ed inserita nel periodico riconoscimento de “I buoni maestri” ideato da Scientia che verrà conferito a Luigi de Magistris: “per il suo impegno fuori e dentro le istituzioni e per essere il vento che agita la bandiera dell’accoglienza, della libera partecipazione, della promozione delle culture materiali ed immateriali “.

21 Febbraio 2020
Luce su Genazzano, attenzione all’ambiente ed efficientamento energetico
21 Febbraio 2020
San Cesareo, il caso Semitech: le proteste e le inchieste dal nord al sud

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *