Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer vitae adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget ut, dolor. Aenean massa. Cum sociis pretium qui asem. Nulla consequat massa quis.

Post più letti

Iscriviti alla newsletter
[contact-form-7 404 "Non trovato"]

Difese immunitarie, il primo pilastro è la flora intestinale. I consigli della farmacia Pellegrino


Il tratto gastrointestinale non ha solo il compito di farci digerire e di assorbire il cibo, ma è anche l’organo in cui risiede la maggior parte del nostro sistema immunitario (circa il 70%!)

Si è sentito spesso parlare -negli ultimi mesi- dell’importanza di un sistema immunitario efficiente. 

Peccato che venga spesso ignorato che mantenere la nostra flora intestinale in equilibrio è uno dei pilastri fondamentali per sostenere le nostre difese. Il tratto gastrointestinale non ha solo il compito di farci digerire e di assorbire il cibo, ma è anche l’organo in cui risiede la maggior parte del nostro sistema immunitario (circa il 70%!). 

L’insieme di batteri e microrganismi che vivono nel nostro intestino costituiscono il microbiota intestinale che ricopre numerose funzioni nel nostro organismo, tra le quali:

  • la digestione e l’assimilazione degli alimenti
  • la sintesi delle vitamine
  • è coinvolto nella sintesi di ormoni che ci fanno rilassare e stare bene 
  • contribuisce a sviluppare e tenere allenato il nostro sistema immunitario. 

Ecco perché quando il nostro microbiota si trova in equilibrio, ci sentiamo bene e in forma.

Per avere un microbiota in equilibrio è importante occuparsi anche della barriera intestinale, questo perché la popolazione batterica del nostro intestino vive all’interno del canale digerente, protetto dalla barriera intestinale così come se fosse all’interno delle mura di casa. E le mura, per assolvere alla loro funzione, devono essere integre. L’integrità di questa barriera è fondamentale per garantire la sua azione protettiva nei confronti non solo del microbiota, ma anche dell’intero organismo

La barriera intestinale, in maniera selettiva, fa infatti passare ciò che ci fa bene (come ad esempio i nutrienti) e filtra quello che invece è potenzialmente nocivo (pensiamo ai batteri e ai virus alimentari e ambientali).

Leggi anche  Vaccino per over 80, ecco come prenotare

Quando il nostro microbiota intestinale è in una condizione di eubiosi, ovvero di equilibrio, gli effetti sono questi: 

  • La nostra barriera intestinale è integra
  • Il sistema immunitario è più allenato ed efficiente
  • Contribuisce allo sviluppo e alla maturazione del sistema immunitario
  • Limita l’ingresso di patogeni

Quando ci esponiamo per un lungo periodo ad un’alimentazione scorretta, conduciamo una vita poco equilibrata e sedentaria, o viviamo un momento di forte stress (come adesso), il nostro microbiota intestinale si altera. E allora bisogna intervenire. Come? Partendo dall’alimentazione.

Per tenere allenato il nostro sistema immunitario, è utile puntare su una dieta equilibrata e ricca di verdura, frutta e fibre, come quella suggerita dalla dieta mediterranea originale e illustrata dal piatto unico bilanciato di Harvard. Questo stile alimentare è ricco di fibre, che contribuiscono a mantenere il nostro intestino regolare e costituiscono cibo prezioso per il nostro microbiota, soprattutto per i batteri “buoni”. Questi batteri infatti, riescono ad estrarre dalla fibra dei principi nutritivi essenziali molto utili per il benessere di tutto il nostro organismo, compreso il sistema immunitario.

L’OMS consiglia di consumare circa 30g di fibra al giorno, misura che corrisponde alle raccomandate 5 porzioni al giorno di frutta e verdura, più almeno due porzioni di cereali integrali.

Cipolla, porro, radice di cicoria e carciofi sono ottime fonti di inulina, una delle fibre preferite dai batteri buoni che popolano il nostro microbiota. Vanno bene anche broccoli, legumi (come lenticchie, piselli, ceci e fagioli) e cereali integrali. Se non sei solito consumare fibre, un po’ di gonfiore può essere normale all’inizio! Inizia gradualmente aggiungendo una componente di fibra ad ogni pasto principale accompagnata da un bicchiere d’acqua.

Leggi anche  Palestrina, Gabriele Galdi è il nuovo sindaco dei ragazzi e delle ragazze

Può essere difficile raggiungere la quantità di fibra consigliata, in caso puoi aiutarti attraverso prodotti prebiotici a base di psillio, oligosaccaridi e inulina. E per riequilibrare la flora batterica intestinale ci si può aiutare anche con probiotici, comunemente detti fermenti lattici.

Ora  puoi anche indagare lo stato di salute del tuo intestino, analizzare le carenze e le esigenze del tuo organismo attraverso un’analisi semplice e non invasiva che prende il nome di Biomaplan. La nostra farmacia specializzata nel benessere intestinale ti offre l’opportunità di conoscere chi popola il tuo intestino oggi, per riorganizzarlo in modo da recuperare il benessere intestinale e non solo. Perché farlo? Perché la salute dell’intestino è strettamente correlata al benessere generale dell’organismo. Un’alterazione della flora batterica intestinale (disbiosi) può essere correlata a fastidi intestinali (mal di pancia, stipsi, coliti) ma anche a problematiche più ampie, come permeabilità intestinale alterata, obesità, diabete e sindromi metaboliche, alterazioni di funzioni del sistema immunitario.

Diversi fattori (come stress, viaggi, fumo, un regime alimentare scorretto, uso di farmaci, infezioni, cambiamenti delle abitudini alimentari, mancanza di attività fisica o l’avanzare dell’età) possono alterare la composizione della flora batterica intestinale. Conoscere la composizione della tua flora batterica ti aiuta innanzitutto a valutare il tuo stile di vita e la tua alimentazione e di conseguenza a individuare strategie mirate su misura per ritrovare il benessere. Vieni a scoprire come fare l’esame. Troverai risposta a tutte le tue domande. Ci trovi a Palestrina in via della croce, 13. 

Dott.ssa Federica Pellegrino, farmacia Pellegrino Palestrina 

18 Giugno 2020
Dalla Regione Lazio via libera al ripristino ambientale della discarica di Colleferro
18 Giugno 2020
Valmontone, Stefano e Carmela oggi sposi. La lunga attesa prima del sì

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *