Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

title-image

Blog

Dopo 13 anni torna il presepe vivente di Palestrina

Torna il Presepe Vivente nella Betlemme dell’Orto dei Frati. Dopo 13 anni di inattività il gruppo Presepe Vivente – Parrocchia Sant’Antonio Abate è pronto per una nuova edizione carica di emozioni e novità. 

Sembra ieri quando alle 18.00 del 31 Dicembre 2020 in pieno giorno di zona rossa – ma grazie alla concessione una tantum per visite a parenti e amici – l’attuale responsabile del gruppo Lucia Mattogno propose  di rifare nuovamente il Presepe Vivente!. Un’ idea che è stata subito accolta con un sorriso e gli occhi colmi di tanti bei ricordi del passato, di volti che purtroppo non ci sono più, ma che hanno lasciato segni indelebili, di ragazzi che sono cresciuti tra quelle casette e che ora sono la forza motrice di questa attività. Qualche mese dopo la richiesta ufficiale al Parroco Don Enrico Pinci, che ha risposto con un semplice e mai scontato pensiero: “Questa è casa vostra”. 

Quando: 2 e 6 gennaio dalle ore 17;30

Dove: Orto dei frati Chiesa Sant’Antonio di Palestrina

Durante la rappresentazione sarà allestita la mostra espositiva “Disegna il tuo dono”

A Palestrina

Siamo partiti a Febbraio con i primi incontri organizzativi - dichiara Lucia Mattogno. Tra vecchie e nuove forze l’ostacolo più grande da sormontare è stato quello dello stimolo: “ma chi ce lo fa fare?”, “tanti materiali con il tempo si sono rovinati”, “l’orto è cambiato”, “io non potrò essere disponibile come 13 anni fa”. Queste sono solo alcune delle perplessità mostrate nella prima riunione - continua Lucia - che ben sono state risolte grazie alle risate e i ricordi condivisi nei giorni a seguire attraverso il gruppo whatsapp. E allora i primi step: riordino magazzini attrezzi e vestiti, pulizia orto, allestimento della mostra interattiva “Aspettando il Presepe Vivente” e improntare le strutture centrali. Tutto nei mesi da Marzo fino a oggi. Dicembre, il mese che dona più emozioni, ci fa da cornice nella corsa agli ultimi preparativi; e così si formano i sottogruppi, che in simbiosi lavorano al grande evento. I freddi e bui pomeriggi diventano l’occasione per pensare a come allestire e immaginare quello che sarà il 2 e 6 gennaio 2022, cercando di imitare ma non ripetere quello per anni è stato. Torna il sorriso anche a chi nei primi mesi è stato titubante, si allarga il gruppo e la collaborazione con tante realtà territoriali. È la magia del Presepe Vivente che ci accompagna da anni, anche quando pensavamo ci avesse abbandonato per sempre; è l’amore di chi ci guarda dall’alto, facendolo rivivere in questa manifestazione; è la forza di una “famiglia” che crede in un grande progetto. Si cerca un tema da dare a questa nuova edizione e tra la figura di Giuseppe e i Re Magi, quest’ultimi hanno la meglio. Sappiamo bene che nel tempo le tre figure hanno subìto modifiche tra il leggendario e il reale, ma a noi è interessato tutto il messaggio che ruota attorno a essi. Abbiamo immaginato che potessero essere la metafora di noi come gruppo e come singoli. Sono uomini che con intelligenza, fiducia e passione hanno intrapreso un viaggio per adorare qualcuno più “grande”, atto possibile solo se guidato da grande umiltà. Sono sapienti che non si sono fermati all’apparenza e non hanno tradito, ma anzi hanno lottato per il giusto e soprattutto hanno saputo donare. Il proposito per questa edizione è proprio quello di far passare il messaggio sociale attraverso quello teologico, con la speranza che tutti possiamo diventare Magi. Non ci resta che vivere le emozioni del Presepe Vivente e aspettarvi il 2 e 6 Gennaio 2022 dalle 17.30 nell’Orto dei Frati della Parrocchia di Sant’Antonio Abate (P.zza del Carmine, 1 – Palestrina). (Il responsabile Lucia Mattogno)
A Palestrina