Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Elly Schlein a Frascati per ricordare Bruno Astorre ad un anno dalla scomparsa

a cura della redazione

Lacrime e commozione, ma anche sorrisi, nella sede del Consiglio comunale di Frascati per il senatore Bruno Astorre a un anno dalla sua tragica scomparsa. 

Nella cittadina dei Castelli romani, gran parte del Partito democratico, nazionale e locale si è stretto in un abbraccio intorno alla moglie di Astorre e sindaca di Frascati, Francesca Sbardella. Dalla leader, Elly Schlein ai capigruppo di Camera e Senato, Chiara Braga e Francesco Boccia, fino ai big del partito come Dario Franceschini, Nicola Zingaretti, Pierferdinando Casini, Simona Malpezzi, Rita Bonafoni, Luigi Zanda Daniele Leodori, e Andrea Marcucci, quest’ultimi due grandi amici del compianto ex senatore. 

A Palestrina - scopri di più

L’assenza di Bruno, dice la moglie Francesca Sbardella tra le lacrime, “fa rumore. Dicono che il tempo guarisce tutte le ferite ma non è vero. A tutti noi manca un punto di riferimento. Sono felice che si sia scelto di ricordarlo qui, nel suo territorio. Perché Bruno questo era, un uomo di territorio”.

E il legame con la sua terra, Frascati, è il filo conduttore di tutti gli interventi: un “democristiano che non ha mai rinnegato le sue origini” e che “amava la gente”. “Bruno ascoltava le persone e amava la politica- ricorda Braga, anche lei visibilmente commossa- penso che se fosse qui oggi sarebbe molto incazzato di come questo governo sta trattando proprio la gente, le persone, in particolare quelle rimaste indietro”. Sulla stessa lunghezza anche Dario Franceschini:

A Palestrina - scopri di più

“Per Bruno la missione della politica non era solo grandi strategie, ma era risolvere i problemi delle persone. Per lui il rapporto col territorio era esattamente questo”. Francesco Boccia lo ricorda come “un politico, amato e apprezzato da tutti, anche dagli avversari. Con lui si trovava sempre una soluzione”. Dello stesso tenore anche Nicola Zingaretti: “Aveva rispetto per chi non non la pensava come lui. Ci siamo conosciuti nel 2008 prima della mia elezione alla Provincia di Roma, erano gli anni in cui il Pd vinceva. Per 15 anni ci siamo sentiti tutti i giorni”.

Infine, la segretaria Elly Schlein: “Come Pd stiamo provando a rimettere al centro tutte le questioni che Bruno aveva a cuore: dalla sanità, al diritto allo studio, alla casa. Si possono scrivere delle buone politiche in Parlamento ma se non si ha l’occhio nel territorio, dove servono risposte su misura per le persone, diventa inutile. La sicurezza delle nostre comunità- lo dico con una sottile vena polemica – è proprio questo. L’ascolto e la non marginalizzazione delle persone”. La segretaria dem, ha quindi consegnato a Francesca Sbardella una targa commemorativa: ‘Bruno Astorre per sempre con noi’.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: