Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Emergenza idrica, al via oggi le turnazioni. Anzi, forse no

È sempre più caos nei Comuni serviti dall’ex Doganella. Come da comunicazione della scorsa settimana, dovevano partire stasera le prime turnazioni disposte da Acea per i servizi idrici. In una comunicazione inviata ai sindaci dei Comuni di Monteporzio, Montecompatri, Rocca Priora, Frascati, Colonna, San Cesareo, Zagarolo e Palestrina la società romana aveva giustificato il provvedimento d’emergenza a causa di una presunta mancanza di acqua nelle falde di questo territorio.

Il provvedimento aveva mandato su tutte le furie i sindaci e i comitati che da venerdì scorso avevano iniziato le trattative per la gestione delle turnazioni. Poi sabato è arrivato il grave guasto al pozzo e centinaia di famiglie costrette a subire una mancanza d’acqua per diverse ore.

«È stata la goccia che ha fatto traboccare il guasto – spiega a Monti Prenestini il sindaco di Zagarolo Lorenzo Piazzai. È da un mese che il territorio di Zagarolo è vessato da forti disagi per mancanza totale o parziale dell’acqua. Se a questa condizione, diciamo di abitudine, sommiamo poi il provvedimento delle turnazioni e i guasti, il servizio diventa un caos senza fine e purtroppo siamo sempre noi sindaci a rimetterci la faccia senza motivo. Stamattina – aggiunge il primo cittadino – ho ricevuto una comunicazione da parte di Acea che spiega nella sostanza che le turnazioni sono rimandate, senza alcuna indicazione di data o altra specifica. In questa situazione di totale incertezza, mi chiedo io quale comunicazione dovrei dare ora ai cittadini. La verità è che c’è un servizio senza più controllo, con procedure carenti e insufficienti. Ora vogliamo delle risposte definitive».

In queste ore è in corso a Rocca Priora una riunione tra gli 8 sindaci del territorio dell’ex Doganella. All’ordine del giorno i disservizi delle ultime ore e i provvedimenti da adottare, comprese le azioni legali a tutela dell’utenza. Dalle prime stime sono 50mila le persone interessate, un’emergenza “totale” per cui si attendono delle risposte urgenti.

??RESTA SEMPRE AGGIORNATO: CLICCA MI PIACE ALLA PAGINA MONTI PRENESTINI QUI SOTTO??