Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer vitae adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget ut, dolor. Aenean massa. Cum sociis pretium qui asem. Nulla consequat massa quis.

Post più letti

Iscriviti alla newsletter
[contact-form-7 404 "Non trovato"]

Europee, nei Monti Prenestini la Lega è al 40%

Una svolta che peserà sulle sorti del Governo Conte dove teoricamente la coalizione giallo/bruno ha ancora la maggioranza dei consensi, ma se venisse confermato l’esito di queste europee ad eventuali politiche anticipate il solo asse Salvini/Meloni, anche senza Berlusconi, avrebbe i numeri per governare.

Nel territorio dei Monti Prenestini la Lega raggiunge lo storico risultato del 40% (superiore alla media nazionale del 34%), rosicchiando voti sia ai 5 Stelle (15%) che al Pd (20% media).

Il partito di Salvini raggiunge a Palestrina il 44,31%, a Castel San Pietro Romano il 40%, nella “rossa” Genazzano il 34%, a Cave il 46%, a Zagarolo il 38%, a San Cesareo il 43%, a San Vito Romano il 37,7& e a Valmontone 38%. Quanto questa vera e propria inversione politica possa pesare sulle Amministrative nei Comuni di Palestrina, Castel San Pietro, Capranica, Cave, Genazzano, Poli e San Vito Romano è difficile dirlo

La Lega sfonda nel Lazio: il Carroccio, quando mancano solo 5 sezioni su quasi 5.300, e’ il primo partito nella regione della Capitale, governata dal Pd, con il 32,66%. I dem sono quasi dieci punti sotto, al 23,79%;
ancora piu’ indietro il M5s con il 17,93%. Sono i dati definitivi delle Europee nel Lazio pubblicati dal sito del ministero dell’Interno. FdI e’ sopra al 9%, mentre FI e’ al 6,77%. La Lega e’ prima in tutte le province, a cominciare, piu’ di misura, da quella di Roma dove il voto scorporato della citta’ premia invece il Pd: nella provincia di Rieti sfonda quota 41%, con il Pd al 18,35% e il M5s al 16,86%; addirittura al 41,42% a Viterbo, con il Pd al 19% scarso e il M5s al 16%. Nelle province del sud e’ invece sempre secondo il M5s%: a Frosinone Lega al 40,4%, pentastellati al 18,55%, Pd al 16%; a Latina Lega al 38,9%, M5s al 16,73%, Pd al 14,8%.

Nella Capitale tutto il grande consenso macinato nelle periferie dai Cinque Stelle è evaporato. Il Pd esce dalle elezioni europee come il primo partito a Roma e molto del consenso stellato è passato alla Lega che in quasi tutti i Municipi totalizza percentuali sopra alla media nazionale e in tutti i casi incrementa i consensi racimolati alle Politiche. Va peggio invece al Movimento 5 stelle romano, appunto e quindi alle politiche capitoline di Virginia Raggi. Il M5S nei Municipi tiene la media nazionale già molto deludente, e a in alcuni casi la supera.

Il partito dell’astensione ha vinto ancora una volta. Anche nel Lazio l’affluenza alle urne, pur risultando superiore a quella nazionale, è diminuita rispetto alla precedente tornata elettorale di circa tre punti percentuali. A votare si è recato circa il 56,6% degli elettori, l’1% in più rispetto al resto d’Italia.


A sinistra oltre l’affermazione del Pd sommando i voti di +Europa di Emma Bonino/Pizzatti, Europa Verde e Sinistra si registra una dispersione di oltre il 7% dei consensi.

??RESTA SEMPRE AGGIORNATO: CLICCA MI PIACE ALLA PAGINA MONTI PRENESTINI QUI SOTTO??

26 Maggio 2019
Elezioni, calo dell’affluenza ai Monti Prenestini. Boom Lega, testa a testa Pd-5Stelle per le Europee
27 Maggio 2019
Gallicano, scontro frontale sulla Prenestina

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *