Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Fermarsi e imparare a pensare: la seconda edizione di Labico pensa

a cura della redazione

 

Con lo stesso obiettivo dello scorso anno torna la II edizione del premio Labico Pensa con cui si intende dare attuazione ai percorsi di ricerca didattica e pratica filosofica con i ragazzi e le ragazze al fine di incoraggiare, sostenere e diffondere il pensiero critico.  

L’obiettivo finale è quello di favorire l’idea che la filosofia diventi pratica diffusa e dove la creatività, il gioco, l’immaginazione vengano proposti quotidianamente come vie maestre della funzione educativa.

a San Cesareo

La scelta di questa disciplina da parte dell’assessorato alla Cultura è nata in seguito alla specializzazione in questa materia – la filosofia-  assegnata dal Sistema Bibliotecario dei Monti Prenestini alla biblioteca comunale.

Nato lo scorso anno l’iniziativa si avvale della grande professionalità del Prof. Arnaldo Colasanti, docente universitario, critico letterario, scrittore e conduttore televisivo.

“Un ringraziamento all’assessora Tina Miele per aver ideato questo bellissimo concorso che è l’ennesimo strumento che la nostra amministrazione mette in campo per spronare i giovani attraverso la cultura, per incuriosirli sul mondo, per mantenerli vicini all’importanza della conoscenza. Un tassello in più nel campo dell’accesso al diritto all’istruzione. Grazie al Forum Giovani Labico per la rinnovata collaborazione” L’Assessora alle Politiche giovanili e P.I. Giulia Lorenzon

“Lo studio della filosofia dovrebbe stimolare il pensiero libero: essa non è soltanto una serie di nozioni “che si imparano”, ma porta all’acquisizione di una forma mentale, di una capacità di ragionare in modo duttile, autonomo, efficace. E’ una disciplina che favorisce lo studio del pensiero logico sequenziale, abituando chiunque la pratichi all’arte del ragionamento strutturato, dove niente viene lasciato intentato e improvvisato. Essa abitua al pensiero critico, educa alla tolleranza, aiuta a vivere nella complessità genera amore per la sapienza.

a Palestrina

In un mondo digitale volto all’iper- semplificazione, la filosofia ci aiuta a vivere nella complessità, a tenere dentro di noi sentimenti ed emozioni contrastanti, ad approfondire ogni aspetto di ogni questione, con dedizione e cura.

Quest’anno abbiamo pensato inoltre di allargare la platea dei partecipanti includendo, oltre le classi II e III della scuola secondaria di I grado del nostro istituto comprensivo, anche tutti i ragazzi e le ragazze che frequentano le scuole secondarie di II grado purchè residenti a Labico.

La realizzazione dell’iniziativa richiede una complessa procedura di coordinamento che viene svolta in maniera impeccabile dall’ufficio cultura nella persona della dott.ssa Maria Grazia Toppi che ringraziamo.”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: