Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer vitae adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget ut, dolor. Aenean massa. Cum sociis pretium qui asem. Nulla consequat massa quis.

Post più letti

Iscriviti alla newsletter
[contact-form-7 404 "Non trovato"]

Gallicano, vandali devastano la scuola


Distruggono l’aula informatica, imbrattano bagni e muri: danni per migliaia di euro. Il Comune: “Un attacco alla comunità”

Hanno divelto l’ingresso principale e sono entrati all’interno dell’istituto comprensivo con il solo obiettivo di danneggiare tutto quello che incontravano. È accaduto all’istituto comprensivo di Gallicano nel Lazio, dove a distanza di un anno sono tornati i vandali.

Se la sono presa con i pc portatili, le apparecchiature elettroniche, e poi ancora con i bagni e alcune aule imbrattate con spray indelebili. Alla fine il danno ammonta a decine di migliaia di euro, ma l’atto in sè ha scosso un’intera comunità, una delle più colpite negli ultimi mesi in questa pandemia.

Ora è caccia ai responsabili. L’episodio è avvenuto nella notte tra sabato e domenica intorno alla mezzanotte. Nessuno avrebbe assistito alla scena, nella zona non ci sono telecamere e a quell’ora nessuno sembra aver notato strani movimenti.

Da marzo scorso viviamo senz’altro una situazione difficile. La pandemia ed il lockdown prolungato hanno di sicuro acuito le difficoltà ed i disagi. Ma non è questa la risposta, un attacco alla scuola è un attacco alla cultura, è un attacco ad una istituzione che più di tutte ha patito le difficoltà di questo anno e mezzo. Quei pc erano fondamentali per i percorsi didattici e per le tante ore passate in dad, dando comunque una opportunità ai nostri studenti di rimanere al passo con le attività dettate dal calendario scolastico ministeriale. Una comunità intera sfregiata da questo infame atto vandalico. Ci auguriamo tutti che questi episodi non abbiano più luogo, ma ci auguriamo anche che chi ha fatto tutto ciò abbia anche il coraggio di autodenunciarsi e ripagare gli ingenti danni provocati al nostro istituto scolastico. La noia non si combatte con azioni infami, la noia la si combatte con il coraggio e con l’impegno. Con la sana aggregazione. Con la voglia di migliorare il posto in cui si vive. Non auguriamo niente agli sciacalli protagonisti di questa infamità, se non che nel momento di bisogno non trovino nessuno disposto ad aiutarli. Perché questo gesto, lo ripetiamo ancora una volta, è contro una comunità intera. Che non lo meritava.

Il Comune di Gallicano nel Lazio
21 Giugno 2021
Coronavirus, si contano sulle dita di una mano i nuovi casi nell’Asl Roma 5
21 Giugno 2021
Grave incidente vicino Valmontone: traffico in tilt

Sorry, the comment form is closed at this time.