Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

title-image

Blog

Il centro di Valmontone cambia volto: i lavori e il progetto futuro

Sono iniziati questa mattina i lavori di riqualificazione di piazza della Repubblica, lo spazio urbano posto tra via Casilina e via Sant’Antonio. La piazza, realizzata nei primi anni della ricostruzione post bellica insieme agli edifici che la delimitano, fu riprogettata negli anni‘90.

Ora, grazie ad un intervento da 244 mila euro, interamente finanziato dalla Promos group (la società bresciana della famiglia Maffioli che gestisce il Valmontone outlet), l’Amministrazione comunale ha voluto avviare la trasformazione dell’attuale piazza in uno spazio urbano in grado di offrire alla collettività luoghi privi di barriere architettoniche e con aree verdi accessibili a tutti, dotato di alberature che possano schermare una strada altamente trafficata come via Casilina.

A Palestrina

“La piazza – sottolinea il sindaco Alberto Latini – cambia completamente volto per diventare davvero un punto di riferimento e di incontro per i cittadini di Valmontone. Nel progetto è compresa anche una nuova illuminazione che, di sera, valorizzerà la piazza, mettendo in evidenza con delle lampade a raso pavimento sia il percorso coperto che quello antistante i portici. Saranno pali di illuminazione “intelligenti” che, oltre ad illuminare ed abbellire la piazza, hanno telecamere di sicurezza integrate”.

“E’ un’opera a cui teniamo moltissimo – aggiunge Veronica Bernabei, vice sindaca con delega ai lavori pubblici – perché trasforma in modo radicale un luogo simbolo di Valmontone che, grazie al contributo della Promos e all’ottimo lavoro svolto dall’ufficio lavori pubblici, diventerà così uno spazio vivo, più bello e, soprattutto, davvero fruibile dai cittadini. Il verde, la fontana, i percorsi e gli arredi urbani saranno fondamentali per sfruttarlo appieno nelle sue diverse funzioni”.

IL PROGETTO:

Il progetto introduce la necessità di riorganizzare quello che ora è uno spazio vuoto e privo di attrazione attraverso la creazione di una sequenza di spazi attrezzati: “la passeggiata”, “il luogo dello stare”, “il filtro verde” e “lo spazio di transizione”.

“La passeggiata” valorizza i portici, simbolo architettonico di questa “corte urbana”, attraverso un percorso che permette di camminare di fronte ai locali commerciali e termina con una scala di pochi gradini che  conduce su via Casilina.

“Il luogo dello stare” è al centro dello spazio urbano e favorisce la socializzazione. Concerti, conferenze, cinema all’aperto e mercatini potranno essere ospitati in questo nuovo spazio pubblico, raccolto e suggestivo. Una fontana a raso pavimento, inoltre, funzionerà nei mesi più caldi dell’anno mentre sarà una semplice superfice calpestabile nei mesi invernali.

“Il filtro verde” è posto a protezione della piazza per schermare la vista e i rumori di via Casilina. Uno spazio più intimo con aiuole verdi, dotate di alberature come il tiglio, già presente negli spazi verdi della città, e l’acero che renderà la piazza ancora più bella con i suoi cambiamenti di colore durante le diverse stagioni. Un arredo urbano di design garantisce sedute riparate dal sole dei mesi più caldi.

“Lo spazio di transizione”, infine, è un luogo di passaggio e di spostamenti perché è la parte della piazza più a contatto con la strada ed ospita una nuova fermata del bus, integrata armoniosamente nel progetto. Questo spazio può garantire anche il parcheggio di due posti auto per una sosta rapida.