Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Il nuovo piano mobilità: via libera alla Cisterna Valmontone


Zingaretti: “Un documento partecipato che segna lo sviluppo dei prossimi anni.”

E’ stato adottato la scorsa settimana dalla Giunta della Regione Lazio il Piano della mobilita’, dei trasporti e della logistica. La redazione del documento, supportata dall’Universita’ La Sapienza, e’ iniziata nella passata legislatura regionale e ha visto la partecipazione di 43mila cittadini tramite il portale www.pianomobilitalazio.it, per raccogliere osservazioni e commenti che hanno avuto un ruolo determinante nell’ultima stesura del Piano. Lo rende noto un comunicato della Regione Lazio.


“La Regione – sottolinea il presidente Nicola Zingaretti – si dota di un nuovo piano della mobilita’ e della logistica, costruito sulla base delle esigenze dei territori e ascoltando i cittadini. Un documento partecipato che segna lo sviluppo dei prossimi anni. Il piano avra’ un impatto significativo sulla rete delle principali infrastrutture del Lazio con un netto miglioramento della viabilita’ e della sicurezza per i mezzi di trasporto e della qualita’ della vita delle persone”.

Tra gli interventi infrastrutturali previsti, la riattivazione della Civitavecchia-Capranica-Orte e la diramazione della Roma-Lido Madonnetta-Fiera di Roma- Fiumicino Aeroporto-Fiumicino citta’. Nell’area romana si punta sulla chiusura dell’anello ferroviario di Roma, sulla trasformazione in linea metropolitana della FL5 Roma-Civitavecchia con adeguamento del nodo di scambio della stazione San Pietro e della FL8 Roma-Nettuno-Latina. Nel sistema ferroviario regionale extra metropolitano gli interventi principali sono la nuova stazione AV Ferentino, il completamento della “Littorina” Formia-Gaeta e il ripristino della Priverno-Fossanova-Terracina.


Particolare attenzione si e’ riservata ai porti del Lazio e alla loro intermodalita’: per il porto di Civitavecchia sono previsti interventi sia di potenziamento delle strutture portuali che di migliore connessione ferroviaria e autostradale di ultimo miglio; sui porti di Fiumicino (realizzazione del I lotto del nuovo porto commerciale), Gaeta, Formia, Anzio, Ponza, Ventotene e Rio Martino sono previsti interventi per complessivi 100 milioni.
Per le infrastrutture viarie, tra gli interventi previsti quello di potenziamento della S.S. Salaria incentrato prevalentemente sul suo adeguamento a quattro corsie, l’adeguamento a quattro corsie della Rieti-Torano, l’autostrada Roma-Latina, la nuova bretella Cisterna-Valmontone, l’adeguamento della SR Monti Lepini.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: