Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Il Palestrina è fermo ai box


Pagliaroli: “Non avendo una data per la ripartenza del campionato abbiamo preferito interrompere gli allenamenti

Il Palestrina è fermo ai box. La società prenestina ha fermato il gruppo della prima squadra, affidata poche settimane fa a mister Cristiano Di Loreto. “In questo momento, più che mai, la priorità riguarda il discorso della salute – dice il direttore sportivo Enrico Pagliaroli Nel nostro gruppo, come in tutti gli altri, ci sono persone che lavorano o vanno a scuola e bisogna tutelare i loro interessi e quelli delle rispettive famiglie. Inoltre non avendo una data per la ripartenza del campionato abbiamo preferito interrompere gli allenamenti, a maggior ragione pensando al fatto che gli ultimi decreti governativi non ci permetterebbero di portarli avanti in forma collettiva”.

Ordini anche WhatsApp al 3383536840 

Proprio sugli sviluppi futuri, Pagliaroli rimane molto cauto: “Il comitato regionale e la Lega Nazionale Dilettanti si trovano in una condizione molto difficile e chiaramente è difficile dare certezze in un contesto sanitario così delicato per tutta l’Italia. Al tempo stesso, le società avrebbero bisogno di indicazioni concrete per organizzare il proprio lavoro: è auspicabile una fattiva collaborazione tra tutte le componenti del nostro mondo per cercare di andare avanti in un contesto simile”. Tra le ipotesi che sono venute a galla (e che sono state anche ufficializzate in altre regioni) c’è quella di “dimezzare” il campionato, giocando il solo girone d’andata. “Un discorso complicato perché abbiamo già giocato alcuni turni e resterebbe davvero uno spazio minimo per considerare regolare un torneo impostato così. E’ chiaro che un discorso di play off allargati potrebbe essere un’altra opzione, visti i tempi stretti a disposizione”.

Eppure il Palestrina nella seconda metà di ottobre aveva inserito giocatori del calibro di Laghigna, Abbondanza e Corradino: “Abbiamo sfruttato delle occasioni importanti, prendendo il primo anche in considerazione dell’uscita di Di Mario e il secondo per via dei problemi fisici che hanno condizionato capitan Cristofari in mezzo al campo. Il terzo, invece, serviva per completare a livello qualitativo e numerico il nostro reparto d’attacco. La convinzione è che ne è nata una rosa in grado di dar fastidio a tutti, speriamo di poterlo dimostrare sul campo al più presto”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: