Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer vitae adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget ut, dolor. Aenean massa. Cum sociis pretium qui asem. Nulla consequat massa quis.

Post più letti

Iscriviti alla newsletter
[contact-form-7 404 "Non trovato"]

Il sindaco di Castel San Pietro Romano: “Torneremo più forti di prima”


L’intervista a Gianpaolo Nardi: come è cambiato il Borgo più bello del Mediterraneo

Dieci giorni fa Castel San Pietro era pieno di gente. Che effetto le fa oggi vedere il borgo desolato?

Un effetto brutto. Abbiamo lavorato tanto per renderlo attrattivo e pieno di persone. Ma nulla è perduto, torneremo come tutti più forti di prima. Quando si superano i momenti difficili si è sempre più forti. 

Sono dei giorni surreali.

Abbiamo messo e metteremo in campo tutte le precauzioni che ci sono state raccomandate. Il C.O.C. è attivo da ieri mattina, h 24, grazie alla nostra straordinaria Protezione civile. Le nostre piccole attività commerciali stanno lavorando alla grande, con passione e professionalità. Castello deve ricordarsi della loro importanza anche nella normalità. Se non ci fossero loro saremmo stati veramente in difficoltà totale. Si sono messe in rete , coordinate dal nostro assessore alle Politiche sociali Patrizia Fornari e stanno consegnando anche la spesa a domicilio. La nostra Farmacia, l’Alimentari I sapori del Borgo, Nadia per i prodotti della casa , il Forno e la tabaccheria di Eligio rappresentano una certezza di cui Castello non può fare a meno. A loro il nostro grazie, con tutto il cuore. 

I 5 ristoranti e i bar sono stati fermati dal DPCM. Torneremo presto a fare grandi numeri. Con grande senso di responsabilità si erano già in parte autosospesi . Non vi lasceremo soli.

colle martino

Come stanno reagendo i cittadini ?

Con responsabilità e preoccupazione, ed è normale. Questo è un momento storico brutto. Però mi piace essere positivo e  non per circostanza.

Cerchiamo di cogliere anche in questa pandemia un lato positivo che ho cercato di esprimere due notti fa con un breve post. Una parte diceva: “ci riporta a volerci bene, ad abbandonare quelle tensioni e, a volte, brutte parole che nel caos a cui siamo abituati, ci porta ad essere lontani e sempre agitati.. ci ricorda che siamo piccoli in un grande mondo…Il borgo vuoto e silenzioso. La luce del comune accesa come quella delle case…le campane che suonano, come sempre, ogni quarto d’ora e scandiscono il tempo del Borgo più bello del mediterraneo.
Tutto questo, nel momento di emergenza a cui non avremmo mai pensato, ci riporta con i piedi per terra..è ciò che non cogliamo nei giorni normali..  

Questo momento ci ricorda che in questo silenzio e tra tante incertezze è davvero importante essere Comunità. Facciamone tesoro e ricordiamocelo quando tra un po’ torneremo ad essere di nuovo al ritmo normale.  

Ci sono storie ed esigenze particolari che vuole condividere?

In emergenza le cose sono in continuo cambiamento. Voglio condividere la passione del mondo del volontariato e soprattutto la cosa più importante : un pensiero di gratitudine, stima ed affetto ai medici e infermieri del nostro ospedale ” Coniugi Bernardini” di Palestrina. Poco fa ho sentito il dott. Enrico Ferri, primario del P.S., per salutarlo ed esternare a lui e a tutto il personale il plauso per l’eccellente lavoro che stanno svolgendo. Cerchiamo di essere gentili con tutti loro; sono in pericolo per curare le nostre Comunità. Gli ho garantito vicinanza e sostegno da parte di Castello e portato anche il saluto dell’ Anci Lazio.

Avete preso qualche iniziative come Comune? E come Anci Lazio, della quale è vice Presidente?

Alcune le ho descritte sopra come la spesa a domicilio.

La cosa più importante è un canale unico di comunicazione. Se 8.000 Sindaci prendono delle decisioni o fanno una comunicazione per conto proprio non si va da nessuna parte. E’ necessario attenersi alle disposizioni del Governo e avere un unico canale di comunicazione. Per questo, come Anci Lazio, insieme al Presidente Riccardo Varone, al direttivo, alla struttura operativa e soprattutto all’ufficio stampa ci siamo messi a disposizione per garantire una voce unica dei Sindaci del Lazio. Anci è un punto di riferimento per tutti i comuni, dai piccoli paesi alle grandi Città. Siamo in contatto con il nazionale e cerchiamo di rispondere a tutti i dubbi dei sindaci che a loro volta danno risposte chiare ai cittadini. Cercheremo di chiedere delle misure per sostenere le imprese, i comuni e tutte le persone che operano nei comuni .  Anci è la voce che “dal basso va verso l’alto”.

Permettetemi di ringraziare Marco Brancaccia del nostro ufficio stampa ( di Anci Lazio). Siamo in costante collegamento e sta facendo un grande lavoro come tutti gli uffici stampa dei comuni. In questa battaglia la comunicazione è fondamentale; ascoltiamola solo dai canali ufficiali. Lo sciacallaggio è sempre pronto a colpire ma lo sconfiggeremo con la buona e costante informazione.

La Regione non comunica i dati ufficiali per comune, ma sappiamo che ci sono persone positive anche in questo territorio. Qual è l’appello che vuole lanciare ai cittadini?

I dati sono riservati ma escono periodicamente dei bollettini che è possibile seguire sia sul sito del ministero che delle rispettive asl. I Sindaci sono nei comuni la massima Autorità sanitaria, per questo state tranquilli i primi cittadini sono perfettamente informati di ciò che accade e Vi informano costantemente senza omissioni.

 La misura di prevenzione massima è stare a casa. In questo modo isoliamo il virus e lo sconfiggiamo. Quindi l’appello è quello di restare a casa, in tranquillità e con fiducia. Perchè come dicono i nostri bimbi, che stanno colorando il paese con i loro piccoli cartelli: Andrà tutto bene. E’ proprio a loro che mando l’abbraccio virtuale più grande . Quando tutto sarà finito, perchè finirà presto, faremo una grande festa per loro e per le loro famiglie.

Grazie anche a voi per la costante attenzione nell’informare il territorio prenestino.

SEGUI GLI AGGIORNAMENTI METTI MI PIACE

12 Marzo 2020
Asl Roma 5, altri 4 nuovi casi: una persona è guarita
12 Marzo 2020
La paura degli assembramenti, scene di panico sui bus Cotral

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *