Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer vitae adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget ut, dolor. Aenean massa. Cum sociis pretium qui asem. Nulla consequat massa quis.

Post più letti

Iscriviti alla newsletter
[contact-form-7 404 "Non trovato"]

Il Tordo matto, la ricetta e le tradizioni. Ecco perché giugno è un mese speciale per acquistarlo

La sua ricetta è la perfetta sintesi di un bilanciamento tra toni forti e delicati, gusto intenso e aromi naturali. È da questo estratto “magico” che nasce il Tordo matto, uno dei prodotti tipici più noti della provincia di Roma che identifica tutta l’area dei Monti Prenestini e la città di Zagarolo in particolare.

La sua preparazione è affidata a pochi e selezionati artigiani, custodi di un’antica ricetta tramandata di generazione in generazione. Tra questi troviamo la famiglia Pacifici, titolare del Gruppo supermercato Coal in via Casilina, 424 a San Cesareo, un family market dove trovare il meglio della produzione enogastromica tipica locale.

LA STORIA DEL TORDO MATTO

Il suo nome è strettamente legato a una leggenda risalente al XVI secolo, negli anni delle battaglie tra lanzichenecchi e la famiglia Colonna. Si narra che a quel tempo un lanzichenecco fu ferito e trovò riparo presso una famiglia di contadini che gli offrì vino e involtini di carne di cavallo preparati con lardo e spezie varie. Il sol- dato ormai ubriaco comincio a fare il “matto” e a ripetere la parola “drossel”, ossia tordo, da cui deriva la denominazione tordo matto.

Il banco di Pacifici
LA RICETTA

Carne di cavallo, battuto di grasso di prosciutto, aglio, prezzemolo coriandolo e sale. Nasce da questi ingredienti il gustoso involtino di Zagarolo targato Pacifici, che a giugno raggiunge il picco della produzione. Ogni giorno e su prenotazione è possibile trovare in questo angolo del gusto i gustosissimi tordi matti preparati a mano da Mauro, il mastro norcino.

Battere la carne e preparare un battuto di grasso di prosciutto, peperoncino, aglio, prezzemolo, coriandolo e sale. Farcire le fettine con questo battuto, arrotolarle su sé stesse e fermarle con uno stuzzicadente. Il metodo di cottura ideale è quello a barbecue, possibilmente su legna di vite lasciando cuocere per molto tempo in modo tale che il battuto si sciolga, si amalgami alla carne e al contempo la carne non si indurisca.

foto in copertina di Silvia Vido

??RESTA SEMPRE AGGIORNATO: CLICCA MI PIACE ALLA PAGINA MONTI PRENESTINI QUI SOTTO??

13 Giugno 2019
Interruzioni di corrente, disagi in tutta l’area prenestina
13 Giugno 2019
Arrivano i primi giochi al parco della Villetta

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *