Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

“Facciamo valere i nostri diritti”. Gli studenti dell’Ipia manifestano a Zagarolo

a cura della redazione

 

Sl tanchi delle continue richieste inascoltate alla dirigenza scolastica, questa mattina gli studenti dell’istituto professionale Falcone e Borsellino di Zagarolo sono scesi in strada per manifestare.

Quattro mesi di promesse per trovare una soluzione a inefficienze sistemiche e carenze strutturali. Nel 2024 però nulla è cambiato per questi futuri professionisti delle arti e mestieri, che chiedono il rispetto dei loro diritti.

A partire dalle cose più semplici, come per esempio, la mancanza di materiali per le lavorazioni.

a Zagarolo

“Ci siamo trovati a fare delle lavorazioni senza elettrodi – conferma un alunno – oppure ci sono utensili mancanti o manlfunzionanti”.

Ma i problemi non si fermano qui. Gli studenti lamentano la mancanza di una palestra e un’aula multimediale. Per la prima, fino a 4 anni fa veniva impiagato il palazzetto dello sport per sopperire alla mancanza di una struttura idonea. Poi l’emergenza covid ha negato a questi studenti anche il servizio di trasporto: da allora la situazione è rimasta tale e quale. Il risultato è che oggi gli alunni si ritrovano a fare sport in uno spazio esterno inadeguato, senza la possibilità di praticare veramente una disciplina sportiva

Infine da quest’anno, si lamenta la mancanza di un’aula multimediale che ha dovuto fare posto a una nuova aula per l’arrivo di nuovi iscritti.

“Crediamo che ci siano delle valide motivazioni oggi per manifestare – continua uno studente. Chiediamo solo che vengano rispettati i nostri diritti”.

Al loro fianco ci sono molti genitori che hanno chiesto un confronto con gli organi istituzionali.

a San Cesareo
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: